Battuta di pesca illegale nelle acque del Trasimeno: sorpresi con 150 chili di carpe e multati per 4mila euro

Sopresi dai carabinieri forestali a Borghetto di Tuoro

Centocinquanta chili di pesce, 20 carpe in tutto. Pescate di frodo, senza autorizzazione e violando le disposizioni anti contagio. I pescatori di frodo sono stati sopresi dai carabinieri forestali della stazione di Passignano, a Borghetto di Tuoro, mentre, a riva, stavano spostando il pescato dall'imbarcazione evidentemente utilizzata per la battuta nelle acque del Trasimeno. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ai due, appurato che non si trattava di professionisti e che non avevano quindi alcun tipo di autorizzazione, i militari hanno sequestrato reti professionali, sequestrata anche l'imbarcazione, mentre i pesci catturati illegalmente, e ancora vivi, sono stati rimmessi nelle acque del lago. Un'uscita a pesca che è costato cara: 4mila euro di sanzioni elevate ai due pescatori non autorizzati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Umbria, il pitbull morde una persona in fila alla tabaccheria: la padrona fa finta di niente e se ne va, denunciata

Torna su
PerugiaToday è in caricamento