Dalle finte mail a case e auto fantasma, anche l'Umbria nel mirino dei truffatori: i consigli per un Natale senza "trappole"

A Natale i truffatori non vanno in vacanza, crescono i raggiri anche in Umbria: secondo un'analisi dell’Unione europea delle cooperative Uecoop, nella nostra regione le truffe sono aumentate del 44,6% in 4 anni

A Natale si sa, lo shopping aumenta. E con questo anche il pericolo e le insidie delle trappole che si nascondono nei meandri della rete. Stiamo parlando delle truffe online: dalle case vacanza fantasma, ai prodotti mai arrivati nonostante un versamento anticipato. Secondo una elaborazione dell’Unione europea delle cooperative Uecoop sugli ultimi dati Istat in occasione dello shopping natalizio 2018, sono oltre 160mila persone all’anno vittime di truffe e frodi on line in Italia, pari a una media di 450 al giorno.

Anche in Umbria aumentano i casi di truffa. Fra il 2013 e il 2017 – spiega l’analisi di Uecoop – in Italia si è avuto un aumento del +16,7% di truffe e frodi on line, mentre le regioni dove si è registrata la maggiore crescita sono state il Molise con +45,7, l’Umbria con +44,6% e il Friuli Venezia Giulia con +33,6%. Le uniche a saldo zero o negativo sono la Valle d’Aosta e la Sardegna, mentre quella con l’incremento più contenuto è la Puglia con +1,7%. Il maggior numero di vittime – aggiunge Uecoop - si registra in Lombardia con 29.974, seguita dalla Campania con 18.593 e dal Lazio con 16.431. “Con circa 38 milioni di italiani che ogni giorno si collegano a Internet – spiega un’analisi di Uecoop sul report Digital 2018 – il rischio di truffe è sempre in agguato e il pericolo aumenta in occasione di feste e ricorrenze con il boom degli acquisti sul web.

Dalle case alle auto inesistenti fino alle tecniche per capire i codici di accesso a conti correnti o carte di credito attraverso comunicazioni fraudolente (ad esempio finte mail della propria banca o posta), le insidie sono tante, ma è possibile difendersi. Come?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Per ridurre il rischio – spiega Uecoop – occorre seguire alcune semplici regole: utilizzare software e browser completi ed aggiornati, avere un buon sistema antivirus, dare la preferenza siti ufficiali e conosciuti, non fidarsi a occhi chiusi di offerte troppo convenienti, se si acquista qualcosa verificare che esista per davvero un negozio fisico, controllare le eventuali recensioni di altri acquirenti, per i pagamento meglio usare carte di debito o di credito ricaricabili e se possibile, scegliere sempre una spedizione tracciata e assicurata”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, parte dall'Umbria la sperimentazione del tracciamento dei telefonini di persone a rischio

  • Coronavirus, salgono a 14 le vittime: nella notte è deceduto in ospedale un 59enne

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino medico regionale del 22 marzo: 522 contagiati, 16 le vittime accertate

Torna su
PerugiaToday è in caricamento