Si finge medico e la truffa va a segno: così ha intascato 600 euro

L'uomo avrebbe chiamato i titolari di una tabaccheria, spacciandosi per un medico e cliente abituale. Oggi è a processo per truffa e sostituzione di persona

Si sarebbe finto un cliente abituale della tabaccheria di una piccola frazione della provincia di Perugia per farsi ricaricare una carta postepay, spacciandosi per un medico e camuffando la voce al telefono per simulare la sedicente identità, ma scoperto il “trucchetto”, l’uomo è finito a processo con l’accusa di truffa e sostituzione di persona.

Oggi la vicenda è sbarcata in tribunale davanti al giudice Internò per l’ascolto dei testi del pm (uno dei due soci della tabaccheria) che ha confermato i fatti. L’imputato, originario della Sicilia, ma residente in Umbria, chiamò i proprietari della tabaccheria fingendosi un medico che loro conoscevano bene, in quanto cliente abituale dell’esercizio commerciale, e chiese due ricariche da 300 euro l’una sulla propria postepay.

I soci della tabaccheria, ingannati dalla voce camuffata del presunto truffatore, agirono in buina fede ed effettuarono l'operazione, con la promessa che il debito sarebbe stato saldato in serata. Ma quando il "vero" medico entra in tabaccheria, i soci chi richiedono i 600 euro della ricarica, con lo sconcerto del malcapitato che, numero di carta alla mano, disse di non aver mai chiesto il servizio. 

Subito scattò la denuncia alla polizia postale e dalle indagini si riuscì a risalire al presunto autore del gesto, che ora dovrà rispondere non solo di truffa, ma di essersi sostituito ad un reale ed onesto cliente, che mai avrebbe approfittato della disponibiltà dei titolari dell'esercizio commerciale, costituiti parte civile con l'avvocato Giorgio Margheri. Si torna in aula per la discussione: l'udienza è stata fissata il 19 maggio 2017. 

I

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cresima e comunione insieme, l'arcivescovo cambia tutto: niente padrini e madrine per tre anni

  • Boato nella notte, salta in aria la vetrina del negozio di Acqua&Sapone di Madonna Alta

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Bambina di 12 anni all'ospedale per mal di pancia, ma è incinta

  • Schianto in galleria: grave una mamma, ferite lievi per i figli che viaggiavano con lei

  • Pranzo della Comunione per 60 persone, ma nessuno paga il conto: nonno sotto processo

Torna su
PerugiaToday è in caricamento