Sorveglianza speciale alla finta dottoressa o avvocatessa Citti

Ha truffato per anni cittadini fingendosi dottore o avvocato che chiedeva un po' banconote perchè rimasta senza benzina e il bancomat era fuori uso. Ora dovrà dovrà cambiare vita

Sorveglianza speciale per due anni alla famosa finta avvocata o medico che ha truffato centinaia di Perugini e non solo in questi anni. La decisione è stata presa dal Tribunale dopo la proposta della DIVISIONE ANTICRIMINE. 

La giovane, 35enne, è nota in città perché più volte è stata sorpresa dalle forze di polizia in prossimità di luoghi affollati e dell'Ospedale a compiere delle truffe ad ignari passanti chiedendo, qualificandosi come "Dottoressa Citti" o "Avvocato Citti", una piccola somma per una improvvisa necessità.

Il Tribunale ha ravvisato che sussistano i presupposti, segnalati dal Questore Nicolò D'Angelo, per l'adozione del provvedimento per la condotta di vita della giovane che già vanta una pluralità di condanne, 14 procedimenti penali in corso, in prevalenza per truffa ma anche per rapina , evasione e resistenza a p.u. e numerose recenti ulteriori segnalazioni di reato.

In particolare, per i giudici, dalla collocazione temporale degli ultimi episodi delittuosi si evince come la commissione dei reati contro il patrimonio sia divenuta per la giovane una irrinunciabile condotta di vita. Già nell' aprile scorso, gli agenti della Divisione Anticrimine, diretti dal Primo Dirigente Luca Sarcoli, le avevano notificato il provvedimento dell'AVVISO ORALE DI P.S. che la invitava a modificare la propria condotta di vita, ma ciononostante successivamente continuava a compiere reati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Adesso la "finta dottoressa" avrà l'obbligo di  alla ricerca di un lavoro stabile, di vivere onestamente, di non associarsi abitualmente con delinquenti, di non uscire dal proprio domicilio dalle ore 22 alle ore 06 , e di trovarsi una stabile dimora e di presentarsi periodicamente presso un ufficio di polizia . Ogni violazione delle prescrizioni impartite comporterà sanzioni e carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Umbria, il pitbull morde una persona in fila alla tabaccheria: la padrona fa finta di niente e se ne va, denunciata

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento