La truffa dei venditori porta a porta di luce e gas, l'azienda: "State attenti"

L’azienda ha invitato i cittadini a prestare attenzione a chi chiede di consegnare le fatture, a valutare bene le offerte relative a metano e energia elettrica e ricorda che si può recedere da un contratto, anche già firmato, senza alcuna spesa

Casi di raggiri e tentativi di truffa. È questo quanto denunciano da Prometeo Estra, la società specializzata nel settore di luce e gas. Come riferito dall'azienda in questi giorni “sono arrivate segnalazioni al Servizio Clienti e agli uffici al pubblico di Assisi di clienti che hanno raccontato di aver ricevuto a casa la visita di persone – venditori, o sedicenti tali - che hanno parlato di Prometeo Estra in termini non veritieri”.

L’azienda ha invitato, quindi, i cittadini a prestare attenzione a chi chiede di consegnare le fatture, a valutare bene le offerte relative a metano e energia elettrica e ricorda che si può recedere da un contratto, anche già firmato, senza alcuna spesa.

Il personale Prometeo, inoltre, si presenta sempre con un tesserino di riconoscimento con foto e nominativi dei venditori, che possono recarsi presso le abitazioni e i negozi. Tali nominativi sono anche regolarmente comunicati alle Questure di competenza. Per chiarimenti e informazioni basta chiamare il numero verde 800 019 019 o rivolgersi agli sportelli. L’elenco completo degli uffici al pubblico sul sito www.prometeoestra.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cresima e comunione insieme, l'arcivescovo cambia tutto: niente padrini e madrine per tre anni

  • Pizza a lievitazione naturale, ecco le migliori pizzerie di Perugia

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Documento Unico di Circolazione e bollo auto, cosa è cambiato nel 2020

  • Bambina di 12 anni all'ospedale per mal di pancia, ma è incinta

  • Omicidio Polizzi, libero il killer Menenti. Il fratello della vittima pubblica le foto del cadavere: "Ecco come lo ha ridotto"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento