Rave party senza autorizzazioni, 4 perugini si beccano una denuncia: retata polizia e carabinieri

Ben 70 i denunciati. Il tam-tam partito dai social. Centinaia i giovani provenienti dal Centro Italia

foto d'archivio

Un rave party completamente abusivo il giorno di Ferragosto. E' questa la scoperta fatta dai poliziotti del commissariato di Chiusi che, in una località collinare di Montepulciano, insieme ai colleghi della Questura di Siena e i Carabinieri, sono intervenuti per mettere fine all'evento, identificando i partecipanti e gli organizzatori. Tra i 70 denunciati ci sono anche quattro perugini che si erano recati in terra di Toscana il giorno prima - il 14 - piazzando anche delle tende in attesa dell'inizio ufficiale del rave party.

I 4 perugini erano venuti a conoscenza dell'evento e della località tramite i social. Lo stesso vale per diverse centinaia di giovani, tra i 17 e i 35 anni, che hanno raggiunto Montepulciano da tutto il Centro Italia. Il rave party, come scoperto dalla Polizia e dai Carabinieri, era privo di tutte le autorizzazioni necessarie inoltre gli organizzatori avevano occupato un territorio privato appartenente ad un'azienda agricola. La denuncia rivolta ai partecipanti è quella di occupazione abusiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

  • Ponte Rio, scontro tra auto: grave un 30enne

Torna su
PerugiaToday è in caricamento