Padre denuncia giro di spaccio, arrestato l'ennesimo pusher della banda

L'arresto è avvenuto a seguito di serrata indagine, scaturite dopo la denuncia di un padre preoccupato per le sorti del figlio finito in un brutto giro di droga

Assicurato alla giustizia un altro pericoloso latitante, finito nella rete dei carabinieri di Todi e Perugia, a seguito di lunghissime indagini iniziate nel 2011. Il 26enne, come riportano i militari, cittadino albanese S.K., è risultato essere irregolare e gravato da molteplici trascorsi giudiziari. Il giovane è stato acciuffato proprio a Perugia dove si aggirava da tempo pur risultando ancora senza una fissa dimora.

A finire in manette già nella stessa indagine altri 14 indagati. L’albanese è ritenuto responsabile di spaccio di sostanze stupefacenti, insieme agli altri già arrestati nell’operazione antidroga, quasi tutti connazionali, che come ricordiamo è scaturita dalle indagini avviate nella zona di Marsciano, a seguito della denuncia di un padre disperato dalle sorti del figlio tossicodipendente il quale, oltre a chiudersi nel tunnel cieco della droga, aveva subito pesanti minacce estorsive per non aver saldato il debito maturato dalla cocaina ricevuta dagli albanesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Ingegneri, architetti, scienziate e statistici: i laureati che mancheranno nei prossimi anni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento