Inneggiano alla guerra santa sul web, individuati cinque presunti terroristi a Perugia

Sequestrati computer e telefoni. Sui profili social video di proselitismo e di minacce al re del Marocco. Pronta l'espulsione degli indagati

Cinque presunti terroristi che inneggiavano alla guerra santa su Facebook e altri social, facendo proselitismo, sono stati fermati dalla Procura di Perugia e dalle forze dell’ordine.

L’indagine è scattata quando la Polizia postale si è imbattuta in alcune pagine Facebook e di altri social (stranamente aperti a tutti, senza filtri o chiusure) in cui venivano condivisi video dell’Isis e di protesta contro alcuni regimi musulmani, ma considerati troppo “morbidi” nei confronti dei cristiani e dell’Occidente.

In particolare hanno destato allarme dei video contro il re del Marocco, in particolare contro la recente visita del Papa, accompagnati da insulti e minacce, nonché propositi di abbattere una monarchia che non rispetta i precetti del Corano.

Gli investigatori hanno subito individuato cinque persone, straniere e residenti a Perugia, ritenute i diffusori del materiale online e tra gli autori dei messaggi violenti che accompagnavano video e foto sui social. Sono scattati anche i sequestri di personale computer e telefonini da sottoporre a perizia per valutare provenienza e possesso del materiale terroristico: ragazzi in mimetica che maneggiano proiettili e Kalashnikov accanto a una bandiera nera: ci sono anche queste immagini tra le centinaia di post diffusi su Facebook da una presunta cellula terroristica che sul web faceva proselitismo condividendo l’ideologia più estrema della guerra santa.

Nell’ambito della prevenzione e contrasto al terrorismo internazionale di matrice jihadista e, in particolare, ai fenomeni di radicalizzazione, la Polizia Postale e delle Comunicazioni ha svolto attività sia di iniziativa, che su specifica segnalazione, al fine di individuare i contenuti di eventuale rilevanza penale all’interno degli spazi e servizi di comunicazione on line, siti o spazi web, weblog, forum, portali di social network e i cosiddetti “gruppi chiusi”, anche a seguito di informazioni pervenute dai cittadini tramite il Commissariato di Pubblica Sicurezza Online. L’attività, funzionale a contrastare il proselitismo e prevenire fenomeni di radicalizzazione, ha portato a monitorare circa 2.600 spazi web.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A carico dei cinque presunti terroristi indagati a Perugia sarebbe già pronto il decreto di espulsione dall’Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

  • LA LETTERA al sindaco. Ordinanza: "Non si interviene così: chi ha sbagliato paghi ma senza penalizzare noi commercianti"

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento