"Serve sangue per una bambina, la referente è Elisa Montagnoli": ecco la bufala

Continua a circolare il messaggio-bufala su WhatsApp. E' da tempo che gira di cellulare in cellulare e viene “aggiornato” ad ogni terrificante emergenza, compreso il terremoto in Centro Italia

Continua a circolare il messaggio-bufala su WhatsApp. E' da tempo che gira di cellulare in cellulare e viene “aggiornato” ad ogni terrificante emergenza, compreso il terremoto in Centro Italia. E' una bufala e la polizia postale lancia l'allarme, chiedendo di non diffonderlo, dal profilo Facebook “Una vita da social”.

“Un messaggio virale su WhatsApp apparso i primi mesi di quest’anno continua a circolare – scrive la Postale - . La richiesta è sempre la stessa: donare il sangue per bambini malati.La raccomandazione è di evitare di inoltrare queste catene di Sant’Antonio che fanno solo perdere tempo e rischiano di far cestinare eventuali messaggi veritieri. Questo il messaggio: “Mi hanno chiesto di diffonderlo dal policlinico per il reparto pediatria…
Mi aiuti a diffonderlo? C’è bisogno di sangue A RH negativo x una bambina che sta molto male.. aiutate a diffonderlo. La referente è Elisa Montagnoli – tel. 345 08571xx Mandalo ai tuoi contatti WhatsApp per favore. Grazie””.

Potrebbe interessarti

  • Laghi dell'Umbria, quelli balneabili e quelli dove godersi la natura

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • Infarto, quando si presenta e come intervenire

  • Crampi, come affrontarli e prevenirli

I più letti della settimana

  • Travolta da un'onda e sbattuta contro lo scoglio: Sofia muore a 22 anni

  • Perugia, tragedia lungo la strada: inutili i soccorsi, muore a 48 anni

  • Don Matteo torna a Spoleto e gli albergatori chiedono il conto al Comune

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Magione, incidente stradale tra tre auto a Montebuono: due feriti

  • La favola di Ferragosto: mamma Cristina e il piccolo Lorenzo più forti delle complicazioni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento