Taser, cani antidroga e multe a chi beve alcolici al parco, approvate le mozioni per Perugia Sicura

Tra le novità anche la richiesta di sequestro dei proventi dell'accattonaggio molesto

Unità cinofile per la Polizia locale, taser agli agenti, confisca del denaro frutto dell’accattonaggio molesto, estensione del divieto di vendita e consumo di bevande alcoliche in aree verdi e piazze, controlli incrociati per scovare gli affitti in nero.

Sono le novità del pacchetto sicurezza per la città votato in commissione e consiglio comunale.

L’ordine del giorno presentato dalla Lega sull’attivazione di unità cinofile per la polizia locale è stato approvato con 17 voti a favore (maggioranza), 5 contrari (centro-sinistra) ed un astenuto (Morbello).

Il capogruppo della Lega, Mattioni, nell’illustrare l’atto ha ricordato che “l’Umbria è tra i primi posti in Italia per tasso di mortalità da overdose” e che “gli episodi di criminalità legati allo spaccio di stupefacenti e a regolamenti di conti tra bande hanno raggiunto per numero e natura un livello di allarme sociale non più tollerabile, in particolare nelle zone di Fontivegge, del centro storico, di Ponte San Giovanni e di Ponte Felcino”.

Da qui “la necessità di dotare la polizia locale di un’unità cinofila; nello specifico, per il funzionamento di un’unità cinofila occorrono, oltre al cane, quattro agenti conduttor. Tenuto conto del fatto che il Comune di Perugia assumerà a breve sei nuovi agenti di Polizia locale, si suggerisce di formarli da subito per il servizio in oggetto”.

Paciotti (PD) ha espresso perplessità sull’ordine del giorno per le “carenze di organico in seno alla polizia municipale” e perché per “combattere droga e disagio servono politiche di più ampio respiro che sappiano incidere realmente sul fenomeno alla radice”.

Per Morbello (M5S) “il problema della droga appare sottovalutato” secondo il testo di ordine del giorno.

Renda (Blu) si è detta stupita dagli interventi dell’opposizione e “che tali critiche si accompagnino a soluzioni concrete”.

Maddoli (Idee persone Perugia) non si è detta contraria a priori all’utilizzo delle unità cinofile, ma visto che c’è già la Guardia di finanza sembra un servizio doppione.

Il consiglio comunale ha anche approvato con 19 voti a favore (maggioranza), 7 contrari (centro-sinistra) ed un astenuto (Morbello) la mozione presentata dal gruppo consiliare Lega sulla gestione dell’ordine pubblico in città e nelle periferie.

A fronte degli “episodi di criminalità e vandalismo si stanno susseguendo in città, con particolare riferimento al centro storico, ad alcune periferie e ad alcune frazioni” la Lega ha promosso l’adozione del taser da paerte degli agenti di Polizia locale (debitamente formati in attesa dei bandi governativi per l’acquisto e l’assegnazione degli strumenti). Nella mozione si chiede anche di intervenire con sequestro dei proventi per chi fa accattonaggio molesto, previsto come reato penale all’articolo 669 bis. Si chiede al sindaco di “emettere ordinanze di divieto di somministrazione e consumo di alcolici nelle ore serali nella zona di Fontivegge, al di fuori dei locali preposti” e di estenderla al consumo di alcolici nelle aree verdi con “la possibilità di sanzionare i consumatori di alcolici nelle aree pubbliche”.

Nella mozione si propone di “presentare richiesta al Ministero della Difesa di una pattuglia dell’Esercito come previsto dal Progetto Strade Sicure” e incrementare i controlli contro il “fenomeno degli affitti in nero” e di “assicurare un pattugliamento del territorio per il controllo dei documenti dei soggetti sospetti in modo particolare nelle zone del centro storico, di Fontivegge, di Ponte San Giovanni e degli altri ponti”.

Il consigliere Giubilei ha ricordato che le proposte sono “irrealizzabili stante la perdurante carenza di organico in seno alla polizia locale”. Sul taser ha sostenuto che “è uno strumento potenzialmente mortale”.

Per la consigliera Bistocchi (PD) “l’impostazione contenuta nell’odg non è condivisile, non tanto nelle premesse, quando nel dispositivo difforme rispetto alle stesse posizioni espresse tempo fa dal sindaco Romizi sul medesimo tema”.

Secondo il consigliere della Lega Valigi, sottolineando la necessità di interventi sociali di riqualificazione urbana “non c’è alcun contrasto tra i progetti di riqualificazione previsti nelle linee programmatiche e gli interventi di prevenzione e repressione. I progetti si articolano su tempi lunghi, gli interventi come le unità cinofile e il taser, ad esempio, servono a garantire la sicurezza immediata. Così come la presenza di una pattuglia dell’Esercito, come chiesto più volte dal comitato di cittadini di Fontivegge”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il consigliere di FdI Nannarone ha manifestato “apprezzamento per la mozione” e sul taser ha specificato “che non si tratta di uno strumento repressivo, bensì di prevenzione dal momento che fornisce agli agenti una soluzione ulteriore rispetto all’extrema ratio, ossia l’uso della pistola”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento