Concorsi truccati, presidente di commissione e dirigente Asl sotto processo

Avrebbero svelato le tracce degli scritti e gli argomenti degli orali ad un gruppo di candidati. Concorsi annullati e Azienda sanitaria parte civile

Avrebbero passato le tracce dello scritto e gli argomenti dell’orale del concorso pubblico per quattro posti da farmacista all’Usl Umbria 1 ai candidati destinati a vincere.

Sono finiti davanti al giudice per l’udienza preliminare, difesi dagli avvocati Vincenzo Maccarone e David Brunelli, il presidente di commissione del concorso pubblico e un dirigente del servizio farmaceutico territoriale della Asl Umbria 1 con l’accusa di abuso d’ufficio.

Secondo l’accusa i due avrebbero “svelato le tracce e gli argomenti della prova orale” il tutto “in violazione delle norme di legge che impongono ai membri della commissione di esame di attenersi a criteri di imparzialità”; un comportamento che avrebbe “procurato un ingiusto vantaggio ai concorrenti della prova concorsuale organizzata dalla Usl Umbria 1 di Perugia. L’Azienda sanitaria si è costituita parte civile tramite l’avvocato Fernando Mucci e ha annullato uno dei due concorsi in autotutela, mentre l’altro è stato bloccato dall’indagine.

Per l’accusa il presidente della commissione avrebbe violato “l’obbligo di segretezza” rivelando “ai candidati l’oggetto della traccia della prova scritta (farmaci antitumorali) … il tipo di prova pratica da sostenere ... i 15 argomenti che sarebbero stati affrontati durante l’esame orale”. Una candidata, sempre secondo la procura perugina, avrebbe ricevuto precise istruzioni, prima della prova, sulla “sequenza delle operazioni che andavano eseguite in laboratorio per l’allestimento di preparati sterili”.

Il 20 maggio 2015 veniva approvata e pubblicata la graduatoria del concorso, nella quale i candidati che avrebbero usufruito degli aiuti, “risultavano nelle prime sette posizioni”.

Per il pm Formisano, i due avrebbero cercato di “stabilizzare i precari … che svolgevano la propria attività, a termine, nel servizio” pubblico.

Di un altro concorso sarebbero state svelate le prove che “avrebbe avuto ad oggetto i farmaci stupefacenti e orfani … e ulteriormente agevolato” un paio di candidati “rivelando proprio le specialità medicinali” oggetto del test scritto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boato nella notte, salta in aria la vetrina del negozio di Acqua&Sapone di Madonna Alta

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Pranzo della Comunione per 60 persone, ma nessuno paga il conto: nonno sotto processo

  • Schianto in galleria: grave una mamma, ferite lievi per i figli che viaggiavano con lei

  • Umbria, dal fiume Nera riemerge un cadavere: indagini in corso

  • Schianto tra una moto e una bicicletta: ciclista muore in ospedale

Torna su
PerugiaToday è in caricamento