Senza motivo distrugge monitor e biglietteria automatica: danni alla stazione di Bastia

E' entrato alla stazione ferroviaria di Bastia, armato di sassi, che ha scagliato distruggendo sia i monitor degli arrivi e partenze che la macchina emettitrice di biglietti. Poi se ne è andato come se nulla fosse lasciando nella ferrovia migliaia di euro di danni a discapito degli utenti onesti che pagano regolarmente il biglietto per avere un servizio dignitoso. 

Dopo la denuncia del fatto da parte del personale addetto, i poliziotti della Sezione di Polizia Ferroviaria di Foligno hanno avviato un’attività d’indagine e, grazie alle immagini della videosorveglianza, hanno indentificato l’autore già noto alle forze dell'ordine. Gli agenti hanno rintracciato il vandalo controllando i treni lungo la tratta Foligno-Perugia.  

Nella rete della Polizia è finito un 30enne, originario del Congo, regolare sul territorio nazionale, con precedenti di polizia e residente nel comprensorio perugino: a suo carico è scattata la denuncia per il reato di danneggiamento aggravato. Proseguono le indagini per verificare se si tratti di un caso isolato o se siano stati presi di mira altri scali ferroviari.

Potrebbe interessarti

  • Igiene del letto, quante volte cambiare le lenzuola?

  • Lavastoviglie pulita e profumata, ecco i rimedi naturali

  • Invasione di formiche, come eliminarle con i rimedi naturali

  • Grande Fratello 2019, vince la concorrente umbra Martina Nasoni

I più letti della settimana

  • Quando iniziano i saldi estivi 2019, tutte le date regione per regione: il calendario completo

  • Tragico incidente stradale a Ponte Valleceppi, muore l'imprenditore perugino Massimo Bendini

  • Perugia, follia al Pronto Soccorso: familiare di un paziente aggredisce e colpisce in faccia un infermiere

  • Città di Castello, marito e moglie scomparsi: la ricerca finisce in tragedia, trovati morti

  • Incidente stradale a Castiglione del Lago, due feriti

  • Città di Castello, coppia di francesi scompare nel nulla: ricerche in corso

Torna su
PerugiaToday è in caricamento