Spoleto, treni con 2 ore di ritardo: pendolari in rivolta contro le Fs

Sul blog dei pendolari umbri tutta la rabbia per gli ennesimi guasti nuovo IC 531 da Perugia per Roma Termini e il ritardo l'intercity da Ancona. A Spoleto Legambiente si veste da Babbo natale per raccogliere letterine salva-corse

Non c’è pace sul fronte del trasporto ferroviario in Umbria. Il futuro tagli dei fondi regionali da parte del Governo Monti rischia di portare al mancato rispetto dei patti economici e delle corse tra la Regione e le Ferrovie dello Stato, come denunciato dal Presidente Catiuscia Marini e dall’assessore regionale Silvano Rometti.

Ma senza aspettare il 2012 la situazione della qualità del servizio sta precipitando ormai da tempo. Questa mattina ennesima disavventura del folto gruppo di pendolari che da Perugia, Foligno, Spoleto e Terni si recano a lavorare nel Lazio, in particolare a Roma. Sul blog dei pendolari umbri tutta la rabbia per gli ennesimi ritardi determinati da guasti alle vetture del treno.

 "Questi treni, gli ETR 450, sono in ottimo stato"; disse tempo fa Giuseppe Angelini, por­ta­voce FS per l’Umbria. Stamani uno di que­sti treni in ottimo stato, nella per­sona del nuovo IC 531 da Perugia per Roma Termini, si è pre­sen­tato a Foligno all’alba delle 8:40 anzi­chè le 7:16, per un gua­sto al mate­riale, pro­blemi di porte. L’arrivo, in con­co­mi­tanza con l’intercity da Ancona, anch’esso in ritardo e su cui si è river­sata la mag­gior parte delle per­sone, è stato pre­ce­duto dalla solita farsa di annunci con ritardo pro­gres­si­voi, da 20 a 70 minuti. Ad un certo punto il treno è pure spa­rito dal tabel­lone. Carrettopoli con­ti­nua. Stamani, per merito di Trenitalia, sono arri­vato in uffi­cio con due ore di ritardo. Moretti pensa che la gente vada al lavoro per hobby. Un’azienda al dis­ser­vi­zio del Paese”.



Da Perugia a Spoleto la situazione non cambia. Legambiente questa mattina ha raccolto, in maniera ironica – volontari vestiti da Babbo Natale – il disappunto dei pendolari spoletini tra l’altro alle prese anche questa mattina con il ritardo di quasi due ore dell'Intercity Perugia – Roma. 

Nelle letterine a Babbo natale si è chiesto "un futuro pendolare meno incerto da raggiungere possibilmente in treno”. In Umbria sono 26mila viaggiatori che ogni giorno si muovono sui 521 km di rete ferroviaria regionale (Trenitalia e Umbria Mobilità) e 5.500 è il numero degli abbonati. E tanti sono quelli che usano treni a lunga percorrenza. A tutti loro la Regione ha assicurato l'impegno a mantenere i servizi, cercando anche di  integrare in modo più razionale il trasporto su gomma con quello della Ferrovia centrale e a continuare il confronto con Trenitalia affinché i pendolari umbri non vengano ulteriormente penalizzati.


 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Perugia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

Torna su
PerugiaToday è in caricamento