I cittadini chiedono aiuto al Sindaco: "Assediati da aghi e siringhe, ecco la nostra proposta"

La lettera aperta al Comune di Perugia per chiedere soluzioni anti degrado. "A breve lanceremo anche petizione"

Stop allo scempio di siringhe usate e abbandonate dove capita. Un gruppo di cittadini ha così deciso di lanciare un messaggio al Comune di Perugia, attraverso una lettera aperta, per chiedere soluzioni alternative ai servizi già presenti sul territorio per fronteggiare il disagio delle siringhe lasciate incautamente nei parchi, nelle zone vicino alle scuole, per strada.

Di seguito la lettera, buona lettura

A Perugia si avverte sempre di più il disagio dei cittadini nel ritrovare aghi e siringhe abbandonate in luoghi pubblici alla portata di tutti. I provvedimenti adottati in risposta al fenomeno – perlopiù repressivi – hanno il solo effetto di marginalizzare ulteriormente persone già escluse, e non comportano una riduzione del rischio di trasmissione di malattie infettive a noi tristemente note, che possono interessare tutta la popolazione. Il problema richiede una soluzione pratica e pragmatica.

Chiediamo pertanto l’installazione in città di una rete di dispositivi scambia-siringhe che integrino gli interventi dei servizi già presenti sul territorio. Cosa sono i dispositivi scambia-siringhe? Sono dei distributori automatici che erogano una siringa nuova e pulita in cambio di una usata e sporca, evitando così la dispersione di aghi potenzialmente infetti nell’ambiente urbano e contribuendo efficacemente a prevenire un potenziale contagio.

Programmi di riduzione del danno che coinvolgono apparecchi scambia-siringhe sono stati sperimentati con successo in Europa e nel mondo. Ogni siringa inserita è una siringa che non verrà riutilizzata (con conseguente rischio infezione) né finirà a terra in un parco o nei pressi di una scuola.

A breve lanceremo una petizione popolare di sensibilizzazione. Invitiamo la cittadinanza tutta ad un incontro di presentazione che si terrà sabato 27 ottobre alle ore 16 al Cva “La Piramide” di Madonna Alta dove sarà possibile firmare a sostegno della campagna e, ci auguriamo, confrontarci sul tema con tutti gli interessati e le interessate. L’indifferenza è un ago infetto nella carne viva.

Aderiscono alla campagna: Genitori del Parco Chico Mendez, Dott.ssa Claudia Covino Responsabile SerT Perugia, Dott. Claudio Sfara Dirigente medico Reparto Malattie Infettive Perugia e Presidente dell'Associazione Anlaids Umbria, Attilio Solinas Dirigente medico Gastroenterologia Usl Umbria 1, Centro di Accoglienza a Bassa Soglia-Unità di Strada coop. BorgoRete Perugia, Circolo arci “Island” Perugia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento