Sicurezza Perugia, controlli: arresti per droga e resistenza a pubblico ufficiale

I carabinieri della compagnia di Perugia, durante la scorsa notte hanno arrestato tre stranieri, due dei quali per droga ed un altro per resistenza a pubblico ufficiale

I carabinieri di Perugia, insieme al personale della CIO di Firenze, nella scorsa nottata hanno arrestato B.D.,tunisino del 1972, senza fissa dimora, celibe, nullafacente, pregiudicato, dopo un controllo a Ponte San Giovanni.

L'uomo è risultato colpito da un provvedimento restrittivo del tribunale perugino, dovendo scontare la pena di anni 3 e giorni 4 di reclusione  per reati inerenti a stupefacenti commessi a Perugia nel 2000.

In manette finisce anche un altro tunisino J.A., appena 22enne celibe, incensurato, responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il pusher è stato fermato, dopo diverse segnalazioni di residenti e altrettanti servizi di osservazione, in località Montelaguardia e a seguito di perquisizione personale e domiciliare effettuata presso la propria abitazione è stato trovato in possesso di 40 grammi tra cocaina ed eroina, sequestrati unitamente a materiale confezionamento  citate sostanze e la somma di euro 100,00, verosimilmente provento attività delittuosa.

Lo stesso è stato anche denunciato in stato di libertà per il reato di ricettazione poiche’ durante la perquisizione domiciliare veniva trovato in possesso di un pc portatile rubato, regolarmente restituito al legittimo proprietario.

Infine, nella rete dei carabinieri finisce anche A.A.K.A., Ecuadoriano del '93, residente a  Perugia, studente pregiudicato e responsabile di lesioni e resistenza e violenza a p.u.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infatti, verso le 23 di giovedì 24 maggio, la centrale operativa del comando provinciale veniva contattata dal pronto soccorso del Santa Maria della Misericordia poiché il soggetto poi tratto in arresto stava creando seri problemi al personale infermieristico e alle persone che erano in attesa di essere visitate. A seguito dell’intervento l’ecudoregno reagiva violentemente nei confronti dei militari operanti che comunque riuscivano ad immobilizzarlo.     

Nell’ambito dello stesso servizio sono stati deferiti in stato di libertà K.Z., tunisino del 1982, sedicente, pregiudicato ed il connazionale H.Y. 1986, senza fissa dimora, pregiudicato poichè fornivano false generalità agli agenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Umbria, il pitbull morde una persona in fila alla tabaccheria: la padrona fa finta di niente e se ne va, denunciata

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

Torna su
PerugiaToday è in caricamento