Sfrecciano a folle velocità per sfuggire agli agenti, poi lo schianto e l'arresto: trovati droga, computer, telefoni e tablet

Rocambolesco inseguimento dopo la fuga di un’auto sospetta, l’incidente e i fuggitivi che tentano di scappare, ma invano. Arrestati per droga, resistenza a pubblico ufficiale e denunciati per ricettazione

Rocambolesco inseguimento dopo la fuga di un’auto sospetta, l’incidente e i fuggitivi che tentano di scappare, ma invano. Sono i contorni dell’arresto eseguito a carico di due albanesi a Santa Maria Rossa dagli agenti della Volante di Perugia nel pomeriggio di mercoledì. I due ora dovranno rispondere di detenzione di droga ai fini di spaccio e resistenza aggravata a pubblico ufficiale.

Tutto è nato a seguito di un controllo degli agenti  dopo aver notato due auto affiancate e le persone a bordo intente a scambiarsi qualcosa attraverso i finestrini. Una situazione che ha insospettito subito i poliziotti, decisi a vederci chiaro. Ma ecco che, alla vista dei poliziotti, l’auto è ripartita a tutto gas sfrecciando a ben 120 chilometri orari lungo le varie strade della zona. Da lì l’inseguimento, fino a quando il conducente ha perso il controllo, ha sbandato ed uscito fuori strada, falciando anche alcuni paletti della recinzione di una casa e poi contro gli alberi.

Nonostante il violento impatto – tanto da provocare anche l’apertura dell’airbag, i due sono riusciti ad uscire dall’auto tentando di scappare, ma la fuga è durata poco. Gli agenti sono riusciti a bloccarli nonostante entrambi abbiamo tentato di opporre resistenza, in particolare uno di loro ha provocato lesioni a uno dei poliziotti.

Fermati i due fuggitivi, è scattata la perquisizione personale e all’interno dell’auto. Ed è così che sono saltati fuori circa cinque grammi di cocaina già suddivisa in dosi. Sono stati ritrovati anche soldi in contanti , telefoni cellulari, tablet e personal computer di illecita  provenienza che a valsa ai due anche una denuncia per ricettazione.

Ma le soprese non sono finite qui perché una volta portati in Questura ed identificati per due giovani albanesi di 24 e 21 anni, già conosciuti alle forze dell’ordine, si è scoperto che uno di loro era stato espulso e rimpatriato, ma aveva trovato il modo di tornare illegalmente in Italia. A carico del 24enne – il cui passaporto riportava la sua fotografia, ma diverse generalità – è scattato l’arresto per violazione delle norme sull’immigrazione. Per entrambi invece, l’arresto per detenzione di cocaina e resistenza a pubblico ufficiale. Entrambi sono stati processati questa mattina con rito direttissimo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Temptation Island, la coppia perugina è già sul punto di scoppiare. Alessandro furioso, Sofia si rilassa tra carezze e balli bollenti

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Non rispetta le norme anti Covid-19, multato parrucchiere e negozio chiuso

Torna su
PerugiaToday è in caricamento