Discarica a cielo aperto con bici usate e pezzi di motore, veicoli sequestrati e tre persone nei guai

All'interno di tre dei veicoli controllati, i carabinieri hanno ritrovato rifiuti vari, come pezzi di parti meccaniche di motori, Tv, reti da letto, ammortizzatori, elettrodomestici fuori uso, materiale vario in ferro, plastica e legno

Immagine generica

Una discarica a cielo aperto di rifiuti e tre furgoni sequestrati. E' il bilancio del controllo effettuato dai carabinieri forestali della stazione di Campello sul Clitunno a metà dicembre nella frazione di Bastardo, a Giano dell'Umbria. Durante un controllo dei veicoli in sosta, i carabinieri hanno notato intorno a un immobile, un evidente stato di degrado dovuto all'accumulo incontrollato di rifiuti di ogni genere, ammassati anche lungo il marciapiede della palazzina.

.gianni dionigi avvocato-2

Tra i rifiuti rinvenuti anche pneumatici fuori uso, batterie, biciclette usate e prive di parti, apparecchiature elettriche (frigorifero, congelatore), parti di motore, materiale vario in ferro e plastica. All'interno di tre dei veicoli controllati, i carabinieri hanno ritrovato rifiuti vari, come pezzi di parti meccaniche di motori, Tv, reti da letto, ammortizzatori, elettrodomestici fuori uso, materiale vario in ferro, plastica e legno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo stato dei luoghi -è scritto nel verbale di sequestro - denota che nelle pertinenze dell'immobile avvengono movimentazione e deposito di materiale, oggetti e sostanze che hanno perso la loro funzione originaria e che quindi sono classificabili come rifiuti e che provengono, secondo le indagini, da attività di raccolta svolta dai mezzi sequestrati. Inoltre due mezzi erano privi di copertura assicurativa. Tutte e tre i titolari dei veicoli non avevano nessuna autorizzazione per la gestione dei rifiuti. Da lì il sequestro convalidato dalla procura di Spoleto. Oltre ai veicoli, anche i rifiuti al loro interno sono stati posti sotto sequestro. Intanto il legale difensore di due dei tre indagati, l'avvocato Gianni Dionigi (in foto) ha depositato oggi il Riesame avverso al decreto di sequestro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Ragazza sparita di casa a Terni e segnalata a 'Chi l'ha visto', arrestata per rissa in corso Vannucci

  • Coronavirus e Fase 2, nuova ordinanza della presidente della Regione Umbria: le attività che riaprono dal 3 giugno

Torna su
PerugiaToday è in caricamento