A scuola..anche per imparare a salvare vite umane: i medici del 118 fanno lezione a studenti e insegnanti

Personale del 118 regionale dell’Umbria inizierà a breve corsi di pratiche  di primo soccorso  a  insegnanti e studenti. Il progetto, fortemente voluto dalla Società Italiana Sistema 118

Personale del 118 regionale dell’Umbria inizierà a breve corsi di pratiche  di primo soccorso  a  insegnanti e studenti. Il progetto, fortemente voluto dalla Società Italiana Sistema 118, è stato presentato  martedì  mattina presso l’Istituto Tecnico   Capitini  e si ripropone ,come è stato detto dal Dottor Fulvio Bussani, “di fornire alle future generazioni conoscenze e strumenti  per intervenire nei momenti di emergenza -urgenza sanitaria, grazie a competenze acquisite da formatori sanitari".

“Già dieci anni fa- ha sottolineato ancora  Bussani  la S.I.S  118  avanzò una proposta di legge di iniziativa popolare per l’insegnamento obbligatorio nelle scuole italiane del primo soccorso con la raccolta su tutto il territorio nazionale di 93 mila firme . Ora,  In attesa della applicazione del decreto legge, a titolo sperimentale il Ministero ha scelto 13 Provincie fra cui Perugia, dove le autorità scolastiche hanno  individuato due  istituti: quello Comprensivo 5 di via Chiusi e ITET Capitini”.

Alla presentazione del progetto erano presenti , con docenti e studenti delle classi  individuate per le esercitazioni, i dirigenti scolastici Fabio Gallina, Silvio Improta e Mauro Esposito .La componente sanitaria era rappresentata dal direttore generale della Azienda Ospedaliera di Perugia, Emilio Duca, da  Francesco Borgognoni, responsabile della Centrale Operativa Regionale 118 e da  Fulvio Bussani  past president  della Società Italiana Sistema 118. In rappresentanza delle istituzioni regionali, il consigliere Carla Casciarri .

Nel corso della presentazione è stato ribadito dal responsabile della centrale 118 Dottor Borgognoni che  “un intervento tempestivo di primo soccorso assume  valore determinante nel salvare una vita umana .  La formazione di insegnanti e studenti  rappresenta dunque - ha aggiunto-  uno  strumento scientifico e di civiltà indispensabile  per  prevenire e ridurre i decessi a seguito di arresto cardiaco”.   Il progetto vuole in definitiva evidenziare come la  sopravvivenza a seguito di attività poste in essere in emergenza  rappresenta  un momento di civica solidarietà”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Spese e progetti fasulli per intascare il contributo, azienda nel mirino della Corte dei conti

  • Attualità

    Papa Francesco nomina il nuovo vescovo ausiliare di Perugia: è monsignor Marco Salvi

  • Politica

    Foligno, bimbo in ospedale per una grave malformazione genetica: "Mancano i medici, genitori costretti ad assisterlo"

  • Cronaca

    Mafia, morto a Perugia il boss Tommaso Spadaro: il "re" della Kalsa che si paragonava a Gianni Agnelli

I più letti della settimana

  • Licenziata per giusta causa dalla Cucinelli, ma il Tribunale annulla la decisione: "Sia riassunta e 20mila euro di risarcimento"

  • Nuove aperture a Perugia, maxi supermercato Conad in via Settevalli: 40 nuovi posti di lavoro

  • Papa Francesco nomina il nuovo vescovo ausiliare di Perugia: è monsignor Marco Salvi

  • A Perugia il primo "Cannabis social club" dell'Umbria, il consiglio comunale dice sì

  • Umbria Jazz 2019, cartellone incredibile: ufficiale, ci sono anche Lauryn Hill, Kamasi Washington e il trio Gazzè-Britti-Manu Katché

  • Avvocato quasi gratis, liquidata parcella della vergogna: 32,50 euro per una causa

Torna su
PerugiaToday è in caricamento