Studentessa bocciata dopo l'interrogazione a sorpresa, per il Tar è tutto regolare

I genitori portano in tribunale la scuola e il ministero: all'esame non avrebbero considerato il disturbo dell'apprendimento dell'alunna

Bocciato all’esame di terza media per una interrogazione a sorpresa. I genitori si rivolgono al Tribunale amministrativo, portano in causa la scuola e il ministero, ma perdono: i professori non sono tenuti ad avvertire gli alunni sul giorno dell’interrogazione.

Il caso riguarda una studentessa della provincia di Perugia con disturbi dell’apprendimento che è stata bocciata all’esame di terza media a causa di una serie di bassi voti in diverse materie: “in particolare, sarebbero completamente immotivate le insufficienze riportate in Francese, Storia e Geografia (voto 4) ed in Musica (voto 5) dovute anche ad interrogazioni “a sorpresa” e a prove scritte le quali dovrebbero essere soltanto facoltative se non del tutto evitate” secondo i genitori.

Scorrendo il ricorso, inoltre, si legge che i genitori avrebbero contestato “il voto di ammissione all’esame” perché “troppo basso” e non avrebbe tenuto conto delle particolari condizioni dell’alunna e delle regole di arrotondamento del voto a quello superiore in caso di mezzi voti.

Per i giudici “l’alunna in questione presentava valutazioni insufficienti in ben 7 materie (italiano, inglese, francese, storia, geografia, scienze, musica) si da risultare ammessa all’esame finale in deroga ai criteri deliberati dal Collegio dei docenti” grazie a cinque voti alzati in occasione dello scrutinio.

Per quanto riguarda la certificazione del disturbo dell’apprendimento, così come si evince dal piano didattico personalizzato, “non è prevista alcuna dispensa dalle prove scritte, come pur in linea di principio possibile ai sensi dell’art. 5 della legge 170/2010 in tema di misure educative e didattiche di supporto per gli alunni affetti da DSA”. Quanto all’esame condotto “prescindendo dall’esistenza del disturbo specifico di apprendimento di cui l’alunna sarebbe affetta”, il ricorso sarebbe “apodittico e generico”, quindi da rigettare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bocciatura confermata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

Torna su
PerugiaToday è in caricamento