L'inviato cittadino - Doppio errore alle Poste sul nome di una grande donna perugina

L'errore, infatti, è doppio: La poetessa-patriota si chiamava Maria Alinda Bonacci Brunamonti. "Bonacci", dunque, non "Brunacci". Inoltre il suo cognome di nascita "Bonacci" doveva peraltro precedere quello, acquisito attraverso il matrimonio con Pietro, di "Brunamonti

Alle Poste, probabilmente, non sanno chi era… se ne sbagliano perfino il nome. Commettendo non uno, ma ben due errori in un sol colpo. Accade all’ufficio postale di Monteluce dove, in una banda di colore giallo in diafania sulla porta, è stampata la scritta “Maria Alinda Brunamonti Brunacci”.

La poetessa, cui è intestata la strada che va dallo slargo della Pesa alla piazza di Monteluce, era nata a Perugia nel 1841. La strada – costeggiata da case e villette liberty – è un’opera importante, in quanto, fino a buona parte dell’Ottocento, si scendeva a Monteluce dal Cassero di S. Antonio attraverso le attuali via Brugnoli (fino al piazzaletto) e, per via Cialdini, fin davanti alla chiesa di Santa Maria Assunta.

La scrittrice e studiosa insegnò al Collegio della Sapienza e fu devota cattolica: i suoi “Canti” furono dedicati a Pio IX. Ma i perugini la ricordano specialmente per i suoi meriti patriottici in quanto poetò, in tono antipapalino, la condanna delle Stragi del XX Giugno 1859 ed esaltò  le battaglie di Magenta e Solferino.

Particolare: fu l’unica donna (poco più che diciottenne!) ammessa a votare al plebiscito (1860) di annessione al Piemonte. Certamente per meriti e notorietà.I suoi autografi sono conservati alla biblioteca Augusta di Perugia. Fu anche autrice di acquerelli di fiori e piante, ispirati a buon gusto. Abitò in via dei Priori, casa in cui morì nel 1903 e dove una lapide ne ricorda il nome e la figura. Grave, dunque, la circostanza di averne sbagliato perfino il nome, per di più in un ufficio frequentato da vasto pubblico.

L’errore, infatti, è doppio: La poetessa-patriota si chiamava Maria Alinda Bonacci Brunamonti. “Bonacci”, dunque, non “Brunacci”. Inoltre il suo cognome di nascita “Bonacci” doveva peraltro precedere quello, acquisito attraverso il matrimonio con Pietro, di “Brunamonti”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Scrive su Fb "Salvini assenteista e ciarlatano" ora rischia di pagare maxi risarcimento alla Lega e al Ministro

  • Cronaca

    Umbria, l'auto si schianta contro un palo: muore 50enne, inutili i soccorsi

  • Cronaca

    Finte assunzioni per far ottenere permessi di soggiorno e sussidi agli stranieri: la truffa del consulente del lavoro

  • Attualità

    Maltempo, prima nevicata tra Umbria e Marche: cime imbiancate nel parco dei Sibillini

I più letti della settimana

  • Sfiora il Jackpot al Superenalotto e porta a casa un tesoretto, la fortuna bacia l'Umbria

  • Allerta Escherichia coli, formaggi ritirati dai supermercati: i lotti e scadenze da controllare

  • Olmo, dopo il Decathlon, prossima apertura di un nuovo mega-store: casa, elettronica e mobili

  • Eurochocolate 2018, due treni speciali per Perugia e sconti: tremila posti in più, gli orari

  • Anziana attraversa la E45 in pieno giorno per comprare dei polli: salvata dalla polizia stradale

  • La rivoluzione della spesa in centro: due market Pam aperti fino a tardi, tutti i giorni e casse veloci

Torna su
PerugiaToday è in caricamento