Apre lo sportello dell'auto e le ruba la borsa: la vittima si ribella contro lo scippatore

Hanno agito in due. Uno si è occupato di commettere lo scippo, mentre il complice era pronto a intervenire se ci fossero stati problemi

Attendeva solo la giusta vittima per agire. Paziente e lungo il ciglio della strada, non ha infatti perso tempo quando una donna si è accostata per parcheggiare la propria auto in via Birago. L'uomo le ha immediatamente aperto lo sportello e con un gesto fulmineo ha tentato di prenderle la borsa. Lei non si è fatta intimidire e con tutte le forze ha respinto il suo aggressore, tenendo ben stretta la borsa con dentro ben 300 euro.

Alla fine ha però dovuto mollare la presa, dato che l'uomo le ha praticato una torsione del braccio, riuscendo a sparire con tutto il bottino. Lei, però, ha fissato nella propria mente il volto e l’abbigliamento del ladro, notando inoltre che, a pochissimi passi dalla sua auto, c’era un secondo maghrebino pronto ad intervenire in caso di necessità.

La vittima si è quindi diretta in Questura per fornire l’identikit di entrambi. Gli agenti a quel punto hanno subito iniziato una doppia caccia all’uomo. Ed è proprio in un parco non distante dal teatro della rapina che i poliziotti hanno individuato uno straniero intento a nascondersi tra la vegetazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti si sono, quindi, immediatamente accorti che il suo abbigliamento corrispondeva a quello di uno dei rapinatori e hanno così arrestato il ladro. Le Volanti sono tornate in Questura col fermato per procedere nei suoi confronti. In sede di riconoscimento, la signora derubata non ha alcun dubbio: R.A., queste le sue iniziali, è l’uomo che aveva fatto da palo. Pertanto, d’intesa col Pubblico Ministero Manuela Comodi, il marocchino – pluripregiudicato per reati contro il patrimonio e in materia di droga – viene sottoposto dalla Polizia a fermo per i reati di rapina e di ricettazione. Emerge, inoltre, che il soggetto non ha eseguito un recente ordine di allontanamento dal territorio nazionale In queste ore la Polizia è al lavoro per attribuire un volto e un nome all’altro rapinatore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

Torna su
PerugiaToday è in caricamento