Nasce il progetto "School Still Plays": l'obiettivo è spingere i giovani a credere nella scuole

L'approccio innovativo dello strumento di indagine, che è stato somministrato in parte on line e in parte direttamente dagli insegnanti, è relativo all’autobiografia e consentirà di analizzare la vita del narratore e le sue emozioni

Sono 27 le scuole e oltre 750 gli studenti di Umbria, Lazio, Toscana, Veneto, Calabria e Sicilia che negli ultimi mesi dell’anno scolastico 2014-2015 hanno partecipato alla ricerca preliminare di “School Still Plays” per prevenire la dispersione scolastica. Il progetto, di durata triennale, è stato finanziato all’Area Lavoro Formazione Scuola Politiche Comunitarie e Culturali della Provincia di Perugia e al Tucep dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Life Long Learning e promosso dall’Ufficio Scolastico Regionale dell’Umbria.

“School Still Plays” è partito nel giugno 2014, con un partenariato di 15 organizzazioni pubbliche e private di Italia, Spagna, Bulgaria e Polonia impegnate a prevenire la dispersione scolastica attraverso attività di ricerca, formazione, valutazione e di istruzione scolastica focalizzate sulle competenze per la vita (life skills) intese come l’insieme di abilità e capacità grazie alle quali è possibile affrontare efficacemente e positivamente le richieste e le sfide della vita, sia dal punto di vista sociale che lavorativo.

Il progetto è partito con la fase di indagine che ha visto la somministrazione agli studenti di età compresa tra 16 e 17 anni nelle scuole in Italia e nei paesi partner di due strumenti di indagine: un questionario di natura quantitativa relativo all’intelligenza emozionale e un questionario autobiografico di natura qualitativa focalizzato sui "motivi personali, emotivi e interiori" che portano gli studenti a non credere nella scuola e ad essere a rischio di dispersione scolastica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'approccio innovativo dello strumento di indagine, che è stato somministrato in parte on line e in parte direttamente dagli insegnanti, è relativo all’autobiografia e consentirà di analizzare la vita del narratore e le sue emozioni, cercando di ricostruire il suo percorso di crescita personale e la sua storia emotiva nella scuola, tenendo conto del contesto culturale, sociale e storico di riferimento. Nelle prossime settimane si procederà all’elaborazione ed analisi dei questionari, alla presentazione dei primi risultati, per proseguire poi con la progettazione e sperimentazione di metodologie didattiche sempre in collaborazione con le istituzioni scolastiche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

Torna su
PerugiaToday è in caricamento