"E' vietato fumare", prima le minacce e le botte, poi i sassi alle auto

Un gruppo di cinque ragazzi si sarebbe scagliato contro una donna che aveva fatto semplicemente notare loro che nel call center era vietato fumare

E’ stata minacciata e insultata solo per aver fatto notare che nel call center era assolutamente vietato fumare. Non l’hanno preso bene quel richiamo all’ordine un gruppo di cinque ragazzi, per lo più nordafricani, che si sono scagliata contro la donna.

A intervenire i presenti che sono riusciti a cacciare via gli individui, anche se prima c’è stata una violenta colluttazione, dove ad avere la peggio è stato uno dei malviventi che è caduto a terra sbattendo la testa.

Tuttavia, uno dei giovani ha ritenuto che la serata non potesse concludersi così. Infatti, intorno alle 22.00 del 9 marzo, A.M., palestinese, anno 1975, è tornato nella zona di Sant’Anna e ha iniziato un lancio di sassi all’indirizzo delle auto parcheggiate vicino al call center, danneggiando sia quella della proprietaria che quella di un altro avventore.

La donna ha così chiamato il 113 e la Volante è riuscita a bloccare l’uomo, che è stato condotto in Questura. Qui, dopo il fotosegnalamento, la Polizia ha avviato nei suoi confronti una denuncia per ingiurie, minacce e lancio di oggetti pericolosi.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento