San Giustino, costringevano donne a prostituirsi: arrestati

Nell'abito dell'esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare del Gip di Treviso, due albanesi sono stati arrestati a San Giustino, nei pressi di Città di castelllo

Vasta operazione tra Veneto e Umbria per contrastare il traffico di droga e la prostituzione. Due cittadini albanesi sono stati arrestati a San Giustino, vicino Città di castello.

Si trattadi T.E. e T.T. e facevano parte di un'organizzazione criminale che usava armi e minacciare le donne a prostituirsi e i clienti tossicodipendenti a pagare i debiti accumulati.

Gli indagati sono accusati di traffico di armi, traffico di sostanze stupefacenti, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Artemisia, la bimba umbra dai lunghi capelli rossi, è già una star: dalle super griffe a Netflix

  • Ferrari 488 Pista, dalle corse alla strada: monta il motore V8 3.9 turbo, venduto a Perugia uno dei pochi esemplari prodotti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento