L'INVIATO CITTADINO San Francesco al Prato, divelto il secondo segnale di divieto della discordia: incidente o protesta?

San Francesco al Prato. Ce l’hanno fatta! Tolto di mezzo anche il secondo segnale che faceva divieto di lasciare liberi i cani ed (eventualmente) consentire loro sporcare il pratino con escrementi. Quei due segnali furono molto criticati all’atto della loro apposizione. Critiche non in fondate, se è vero che, in qualche modo, “inquinavano” la vista dell’oratorio di San Bernardino, impattando gli scatti di telefonini e digitali. 
                                                                                                                                                                                  .,
Magari li si poteva spostare un po’ di lato. Ma qualcuno ha deciso di andare per le spicce strappandone uno (quello verso San Francesco) poco tempo dopo l’apposizione. L’altro (stranamente) resisteva. Finché ci si sono messi di buzzo buono e hanno fatto fuori anche il  secondo. Non è stato semplice, dato che quel palo era robustamente incementato in profondità. Né si può credere che si tratti di un urto accidentale con una vettura, dato che fra sede stradale e prato c’è un consistente dislivello e due alti scalini. Dunque: opera intenzionale e… a forza di braccia. Non sarebbe difficile individuare i bricconi, dato che lì accanto è piazzata una telecamera a tutta vista. Sempre che funzioni, s’intende!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Coronavirus e Fase 2, nuova ordinanza della presidente della Regione Umbria: le attività che riaprono dal 3 giugno

  • Test sieroprevalenza: battere il Coronavirus, ma la metà degli umbri chiamati non risponde all'appello della Croce rossa

Torna su
PerugiaToday è in caricamento