Rissa in centro storico, schiamazzi e urla nella notte e una persona ferita davanti a Sant'Ercolano

Sul posto la Scientifica per i rilievi e una Volante. Gli aggressori sarebbero fuggiti per via Guerriera e via Campo Battaglia

Notte movimentata nell’area di via Campo Battaglia, via Guerriera e Sant’Ercolano. Anche se sarebbe solo il luogo dove si è svolto l’epilogo di una rissa con un ragazzo ferito. Stamattina sulle scalette di Sant’Ercolano e zone limitrofi c’era il personale della Polizia scientifica per i rilievi, accompagnata da una Volante.

Secondo un prima ricostruzione sarebbe scoppiata una rissa, in centro verso le 3, tra due gruppi di persone, cinque o sei. Una di questa avrebbe riportato un taglio ad una mano e sarebbe scappata verso corso Cavour, insieme con altri del suo gruppo.

Il ferito avrebbe chiesto qualcosa per medicarsi ad un commerciante del quartiere, ma mentre si puliva la ferita, dalle scalette sarebbe sbucato l’altro gruppo. E la rissa avrebbe ripreso vigore.

Almeno fin verso le 4, quando dopo alcuni minuti di urla e schiamazzi, si sono sentite urla ben precise del ferito (urlava “brucia, fa male”) e quelle dei fuggitivi (“scappiamo, che cosa abbiamo combinato”). Secondo alcuni testimoni i fuggitivi avrebbero preso via Guerriera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stamattina la Scientifica ha cercato e isolato delle tracce nella zona. Un’ora di lavoro anche tra via Guerriera e scalette di Sant’Ercolano. Mentre i commercianti hanno dovuto ripulire il disastro lasciato davanti al bar e al ristorante vicini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, su Facebook e WhatsApp è tornata la bufala di Elisa Montagnoli

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento