Rissa a colpi di mazza da baseball e coltelli, tutti liberi, con obbligo di dimora notturno, i quattro fermati

La lite era avvenuta la notte del Venerdì santo davanti al Capitini. Vetri infranti, ferite da coltello e un investimento fino all'arrivo della polizia

Si erano affrontati a colpi di colpi di mazza da baseball e coltello ed erano finiti arrestati in quattro. Adesso il Tribunale del Riesame ha revocato gli arresti domiciliari e ha stabilito la misura dell’obbligo di dimora, cioè non possono lasciare il territorio comunale di Perugia e di non uscire di casa dalle 20.30 alle 7 della mattina succesiva.

I quattro albanesi, difesi dagli avvocati Giusy Mazziotta, Stefano Castellani, Donatella Panzarola e Massimo Brazzi, sono accusati di aver aggredito, “armati di coltello e mazza da baseball di legno” gli altri due stranieri “sorprendendoli mentre si trovavano” in auto vicino ad un chiosco di panini, “colpendo più volte l’autovettura con la mazza, con ciò infrangendo il parabrezza e il lunotto posteriore e procurando” diversi danni alla mascherina posteriore, staccando la targa, rovinando il paraurti posteriore e cercando di “attingere gli occupanti con il coltello”, per poi fuggire verso il parcheggio del supermercato.

I due aggrediti, a loro volta, “reagivano all’agguato azionando manovre pericolose con la predetta autovettura, inseguendo” i due fratelli “anche procedendo contromano a forte velocità, nel tentativo di investirli e ingaggiando con gli stessi, ancora armati della mazza e del coltello” una rissa nel corso della quale uno dei due riportava ferite da taglio alla mano e di punta ad una coscia, mentre l’altro “veniva investito e caricato sul cofano” dell’auto “per poi essere sbalzato a terra”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Accorsi sul posto gli agenti trovavano l’auto distrutta e una persona a terra, sanguinante, un carabiniere in congedo che aveva assistito a buona parte dell’aggressione, il venditore di panini e bibite. Tutti hanno confermato lo svolgimento dei fatti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, su Facebook e WhatsApp è tornata la bufala di Elisa Montagnoli

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento