Rimpatriato straniero da Marsciano: aveva precedenti per droga

I carabinieri di Marsciano hanno rimpatriato un soggetto di nazionalità albanese, con specifici precedenti penali per traffico di sostanze stupefacenti. L'uomo non potrà tornare in Italia per 5 anni

Nei giorni scorsi si è avuto l’epilogo di una attività di monitoraggio del territorio posta in atto dai Carabinieri di Marsciano, che da lungo tempo, osservavano i movimenti di un cittadino albanese 23enne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questi, oltre ad essere gravato da numerosi precendenti penali, soprattutto per reati inerenti al traffico di sostanze stupefacenti, pur avendo un elevato tenore di vita, non  svolgeva alcuna attività lavorativa lecita.

Raccolti, attraverso un’accurata attività informativa gli elementi necessari, veniva richiesta ed ottenuta dal Questore e dal Prefetto di Perugia la revoca  - per motivi di ordine e sicurezza pubblica - del permesso di soggiorno e la contestuale espulsione dal Territorio Nazionale del 23enne albanese.

Il provvedimento di espulsione, con divieto di rientro in Italia per un periodo minimo di 5 anni senza una speciale autorizzazione del Ministro dell’Interno, è stato eseguito nei scorsi giorni e lo straniero è stato accompagnato alla frontiera di Ancona da dove è stato rimpatriato.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento