Punti nascita, Ricci raccoglie 3mila firme e sfida la Marini

"Perchè si toglie ad Assisi e si tiene invece a Pantalla di Todi?": Lo ha affermato il sindaco Ricci dopo la fine dell'occupazione dell'Ospedale "Siamo pronti ad azioni eclatanti..."

Caludio Ricci

"Non si passa, non ci arrendiamo e siamo disposti a portare migliaia di persone di Assisi e che amano la città a protestare ovunque anche con fatti eclatanti": il tono è pacato (quello di sempre) ma i modi del sindaco di Assisi, Claudio Ricci - uno dei primi cittadini più amati d'Italia e forse uno dei pochi rimasti in quota Pdl di questi tempi -  sono decisi e risoluti.

Non vuole permettere lo scippo del punto nascita dell'Ospedale di Assisi per una riorganizzazione sanitaria che il presidente Marini ha annunciato meno di 24 ore ore e che deve essere ancora spiegata ai territori.

Per questo ha occupato fino alle 19,30 di oggi (18 maggio) l'Ospedale di Assisi raccogliendo in poche ore 2500 firme per bloccare il progetto regionale. E altre saranno raccolte stasera al Teatro Lyrich.

 "L'Ospedale esiste dal 1300 - ha spiegato Ricci a Perugia Today - ed è una struttura fondamentale per un territorio di 70mila utenti, per una città come Assisi che ospita ogni anno 6milioni di turisti. Togliere il punto nascita vuol dire depotenziare tutta la struttura sanitaria e i suoi servizi. Non lo accettiamo oggi, non lo accetteremo per il futuro. Siamo disposti a tutto. Perchè Assisi si è sempre prestata al servizio della Regione e delle sue battaglie di immagine e di sviluppo, ora non possiamo essere trattati cosi. Il punto nascita di Assisi ha registrato anche 700 parti negli anni passati, poi però non hanno nominato un primario e l'utenza è calata non per colpe di chi opera nel nosocomio assisano".

Il sindaco Ricci si riserva persino una polemica pungente: "Si vuole chiudere il punto nascita ad Assisi mentre si tiene quello di Pantalla che ha meno utenza e numeri". Pantalla vuol dire ospedale di Todi e Marsciano, e Todi è la città amata del Presidente Catiuscia Marini, la donna della riforma sanitaria attuale. "Non possiamo accettare che non nasca più un Francesco o una Chiara ad Assisi": il riferimento storico, religioso e geografico è certamente suggestivo persino per chi non ha fede. E non dimentichiamo che politicamente Ricci doveva essere lo sfidante della Marini, ma poi Berlusconi lo bocciò...per questioni estetiche.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo concorso pubblico: 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Elezioni regionali, nuovo sondaggio sull'Umbria: Tesei avanti su Bianconi, la forbice e il numero degli indecisi

  • Università di Perugia, premio alla miglior tesi di laurea: ecco la vincitrice

  • La Cena degli Sconosciuti arriva a Perugia: come funziona

  • Cancella la striscia continua con pennello e vernice: "Ero stanco di fare il giro lungo per rientrare a casa"

  • Tragico incidente con il furgone, muore a 58 anni: addio a Luca

Torna su
PerugiaToday è in caricamento