Retata anti-prostituzione: altre 16 ragazzine sconosciute spedite in strada

Continuano gli approfondimenti sulla prostituzione a Perugia da parte dei Carabinieri. Altri controlli hanno dimostrato come continuano ad affluire nuove ragazze gestite dai clan schiavisti dell'Est Europeo. Due nuove super multe

Le mafie dell'Est rafforzano il loro controllo sul business della prostituzione di strada a Perugia. La conferma arriva dall'ultima retata dei Carabinieri che vogliono "conoscere" chi si trova sul marciapiede e soprattutto risalire agli sfruttatori e potenziali schiavisti. Solo nella notte scorsa sono state identificate e fotosegnalate 16 nuove prostitute, tutte di nazionalità dell’est Europa (la maggior parte comunitarie), di cui non si sapeva niente e quindi probabilmente sono arrivate da poco sulle strade perugine.

Nei controlli sono finiti anche due clienti che hanno violato l'ordinanza anti-prostituzione del sindaco Wladimiro Boccali. Per un giovane perugino è stato elevato un verbale da 450 euro. E' andata peggio invece ad un eugubino di 50 anni che ha preso il multone e in più è stato di nuovo denunciato dato che ha violato il provvedimento del divieto di ritorno nel comune di Perugia per la durata di anni 3 emesso dalla Questura di Perugia nel mese di novembre 2011. Era tornano a Perugia spinto dalla fame di sesso facile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

  • Travolto e ucciso da un'auto in superstrada: Fabrizio muore a 45 anni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento