Coronavirus, sono 700 i dipendenti che lavorano da casa. Fioroni e Agabiti: "Garantita l'operatività della Regione"

Sono 700 i dipendenti della Regione dell'Umbria che stanno lavorando da casa, collegati direttamente con la piattaforma regionale, garantendo così senza intoppi i vari servizi e la gestione dell'ermegenza sanitaria determinata dal coronavirus. La Regione ha saputo assicurare, tramite strumenti tecnologici innovativi, la continuità delle attività dell’Ente e, al tempo stesso, la salute di tutti i dipendenti. Anche la Giunta regionale, a fini di salute pubblica e in base alle misure di sicurezza varate dal Governo, si riunisce in videoconferenza.

 "Si tratta di un grande lavoro della nostra divisione ICT – ha spiegato l'assessore regionale Michele Fioroni - che ha saputo accompagnare questa complessa fase di transazione digitale, garantendone la continuità di funzionamento senza cali di produttività. Fin dai primi contagi accertati in Italia del virus Covid-19 e fin dall’adozione delle prime misure deflattive del contagio adottate dal Governo, la Regione Umbria si è attivata per predisporre un protocollo per garantire il funzionamento pieno da remoto di tutte le principali funzioni ,fondamentali per dar vita al progetto di smart working". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Soddisfatta anche l'assessore regionale Paola Agabiti: "La Regione Umbria ed i sui dipendenti hanno dimostrato di saper rispondere in maniera efficiente e tempestiva all’accelerazione imposta dal coronavirus  nell’ambito delle attività di smart working”: lo ha detto l’assessore  regionale  al personale Paola Agabiti. “Si tratta di un risultato importante,  di un  successo per l'amministrazione regionale e di un  grande esempio di collaborazione tra i diversi assessorati e divisioni della Regione. Un plauso – conclude Agabiti  – va all'ufficio del personale per il lavoro eseguito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento