Sparisce con i soldi dei buoni pasto di supermercati e ristoranti, condannato rappresentante

Commercianti e locali defraudati per migliaia di euro. La sentenza: 1 anno e 4 mesi di reclusione

Un anno e quattro mesi per il ragggiro dei buoni pasto. È la pena comminata ad un rappresentante fuggito con i ticket per la pausa pranzo dei dipendenti delle aziende e che avrebbe dovuto portare alla ditta che li aveva emessi, inguaiando ristoranti e supermercati di Perugia per migliaia di euro.

L’uomo è finito in tribunale accusato di aver ritirato, nel suo giro consueto, presso ristoranti, locali e supermercati, i tagliandi utilizzati dai dipendenti per mangiare o fare la spesa, ma di non aver mai consegnato il corrispettivo agli stessi.

E l’azienda che li aveva emessi non ha rimborsato nulla non avendo il conteggio né i buoni.

Un ristoratore, costituito parte civile con l’avvocato Mario Canonico, ad esempio, si è trovato sotto di oltre 50mila euro. Il titolare di un supermercato, assistito dall’avvocato Gianluca Bisogno, di quasi diecimila euro di spesa fatta con i buoni pasto e mai rientrati.

Oggi il giudice ha condannato l’uomo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando il bucato non profuma: lavare e igienizzare la lavatrice

  • Ospedale di Perugia in lutto, è morta Giampiera Bistarelli: "Ha dato a tutti noi una grande lezione di vita"

  • Le aziende che assumono. La perugina Barton cerca nuovi agenti: ecco come candidarsi

  • Aeroporto, volo Ryanair Perugia-Malta confermato per tutto l'inverno

  • Commercialista infedele, spariscono 500mila euro di tasse e i clienti finiscono nei guai con il Fisco

  • "Il lavoro è fatto male" e si scaglia contro il dipendente, titolare di un'azienda denunciato dalla polizia

Torna su
PerugiaToday è in caricamento