Rapine, stupri e violenze, l'incubo delle prostitute condannato a quattro anni e 4 mesi

L'uomo arrestato e processato per aver rapinato e picchiato due lucciole, una era stata anche violentata e abbandonata in un bosco

Quattro anni e 4 mesi di reclusione (con il rito abbreviato e il riconoscimento delle attenuanti prevalenti sulle aggravanti) per il 44enne fermato dalla polizia a novembre del 2018 con l’accusa di violenza sessuale e rapina aggravata ai danni di due prostitute.

L’uomo, difeso dagli avvocati Luciano Ghirga e Gianni Dionigi, era accusato di colpito con un pugno una prostituta per poi costringerla a subire violenza sessuale; al termine della quale avrebbe anche sottratto 180 euro che la donna teneva nella borsetta, abbandonando poi la giovane in una zona boschiva isolata.

La stessa notte l’uomo avrebbe fatto salire in auto un’altra prostituta per poi rapinarla di 110 euro in un parcheggio scarsamente illuminato, dopo averla presa a schiaffi.

Le forze dell’ordine erano risalite all’uomo grazie alle immagini delle telecamere di sicurezza e controllo del traffico, alle descrizioni delle due vittime e ad un tatuaggio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, decine di interventi dopo il temporale della notte: le zone più colpite

  • Anziana morta, il figlio l'ha vegliata per 16 giorni

  • Via Sicilia, malore nella notte in un appartamento: muore 40enne, indagano le forze dell'ordine

  • Neonata prigioniera dell'auto parcheggiata sotto il sole, salvata dai vigili del fuoco

  • Previsioni meteo in Umbria: torna la pioggia, calo delle temperature fino ad otto gradi

  • Inaugurata la storica Latteria di via Baglioni, look nuovo … e sapore d’antico

Torna su
PerugiaToday è in caricamento