Pistola in faccia ai dipendenti per farsi consegnare l'incasso: rapinatore arrestato grazie alle cicatrici in faccia

Tre rapine (di cui una tentata) ai danni di una farmacia, di un forno - pasticceria e di un altro negozio a Perugia: preso

Pistola in faccia per farsi consegnare l'incasso. I carabinieri dell stazione di Corciano hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di un tunisino di 48 anni, da tempo residente nel territorio, ma senza un'attività lavorativa, che ora dovrà rispondere di due rapine e di una tentata, ai danni di una farmacia, di un forno -pasticceria e di un'altra attività commerciale di Perugia.

Assalto in farmacia poco prima dell'orario di chiusura: è caccia al rapinatore

A seguito delle denunce delle rapine, i carabinieri si sono messi sulle tracce dell'indagato, grazie anche ad alcune descrizioni degli abiti e delle cicatrici che aveva in volto. In particolare, in un' occasione, sentendosi abbastanza sicuro avrebbe alzato anche la sciarpa, mostrando a sua insaputa i segni al volto. La prima rapina risale al 7 ottobre ai danni di una farmacia Afas a Olmo. Qui, con il volto coperto e armato di pistola, ha costretto la dipendente ad aprire la cassa per poi fuggire con l'incasso.

Ci prova ancora, questa volta agli inizi di novembre: il bersaglio è un forno - pasticceria di Ellera di Corciano. Stesso modus operandi, stessa intimidazione sotto minaccia di una pistola (a salve, ma senza il tappino rosso). Terrorizzando i dipendenti, si fa consegnare i soldi presenti nella cassa, per poi fuggire. Poi ancora, un'altra rapina (tentata) in un esercizio commerciale di Perugia. L'allarme è entrato in funzione mettendo il rapinatore in fuga. Le indagini hanno portato gli inquirenti al 48enne, che ora si trova a Capanne a disposizione dell'autorità giudiziaria. Non si escludono anche altre rapine imputabili all'indagato, e le indagini stanno andando avanti per capire se ci siano stati altri episodi commessi dalla stessa mano. La pistola è stata ritrovata in casa dell'uomo e - nonostante sia risultata a salve, era priva di tappo rosso, quindi dal forte potere intimidatorio. 

Furti in calo rispetto all'anno scorso. Il Comandante Provinciale, Colonnello Giovanni Fabi, intervenuto questo pomeriggio in conferenza stampa per illustrare i dettagli dell'operazione, ha sottolineato come i furti siano in calo rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Settantacinque denunce a fronte delle centoventicinque del 2016.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Umbria, il pitbull morde una persona in fila alla tabaccheria: la padrona fa finta di niente e se ne va, denunciata

Torna su
PerugiaToday è in caricamento