Richiedente asilo braccato e fermato nei sotterranei del Museo dopo lo scippo, ma lui si ribella: in manette

Lo scippatore è stato arrestato per rapina, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale grazie alla prontezza di due carabinieri e di un agente della polizia stradale che lo hanno fermato e bloccato

Prima ha afferrato un cellulare dalle mani di una signora, poi si è dato alla fuga cercando di nascondersi nei sottorranei del Museo Archeologico Nazionale dell'Umbria in Corso Cavour. E' quanto accaduto questa mattina, intorno alle 10, in pieno centro storico. Ma alla fine, dopo una rocambolesca fuga fino ai sotterranei del Museo, il fuggiasco è stato bloccato, fermato e arrestato grazie a due carabinieri, un agente della polizia stradale e alcuni cittadini che hanno notato la scena.

Si tratta di un ragazzo di 26 anni  di origini nigeriane, richiedente asilo e arrestato per rapina, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. In quei concitati momenti ha infatti di cercato di sfuggire alla presa dei carabinieri e dell'agente di polizia, procurandogli ferite giudicate guaribili in otto giorni. Con calci e pugni ha tentato di dimenarsi, ma alla fine e' stato bloccato e ammanettato. Il cellulare è stato restituito alla legittima proprietaria. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Inneggiano alla guerra santa sul web, individuati cinque presunti terroristi a Perugia

  • Cronaca

    Perde il controllo della moto e finisce contro un muro, Foligno dice addio a Giovanni

  • Cronaca

    Fa strage di animali protetti: via armi, munizioni e licenza di caccia

  • Cronaca

    Brucia 50mila euro del condominio con le slot machine, processata

I più letti della settimana

  • Tragedia lungo la strada a Perugia, Stefano muore a 43 anni: lascia tre figli

  • Tragico schianto con la moto, ospedale di Perugia in lutto per la morte di Stefano

  • Marsciano, schianto tra una moto e un'auto: centauro in codice rosso

  • Inchiesta sanità - Maxi sequestro di cellulari e profili social e spuntano cinque nuovi indagati: i nomi

  • Sanità, si allarga il numero degli indagati nella maxi inchiesta dell'Umbria

  • Rissa nel parcheggio del supermercato a Perugia, quattro finiscono in manette

Torna su
PerugiaToday è in caricamento