Esce dal carcere dopo 2 anni: rimpatriato pusher tunisino

Dal 2001 ad oggi è stato arrestato tre volte, evaso una volta da un centro di identificazione per clandestini ed aveva fornito ben 4 alias per evitare l'espulsione

Carcere di Capanne

E' finita oggi la  lunga esperienza illegale in Italia, in particolare a Perugia, di un pusher pluri-pregiudicato tunisino di 36 anni che dal 2001 ad oggi è stato arrestato tre volte, evaso una volta da un centro di identificazione per clandestini ed aveva fornito ben 4 alias per evitare di essere ripreso ed espulso immediatamente dall'Italia. Fatale però gli è stata ultima retata per droga dove è stato definitivamente smascherato e condannato a due anni di carcere a Capanne. Ieri pomeriggio una volta liberato per la fine della pena il nord-africano è stato immediatamente rimpatriato in Tunisia. 

Un segnale molto forte anche in chiave di prevenzione alla clandestinità e la lotta allo spaccio di droga a Perugia. Da tempo il sindaco Wladimiro Boccali  ha avviato dei contatti con la Tunisia per cercare di fermare questo esodo di pusher a Perugia che provendono tutti da uno stesso territorio, segno questo di una macchina organizzatriche che collega l'Umbria alla Tunisia per il business della manodopera per lo spaccio.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

  • Ponte Rio, scontro tra auto: grave un 30enne

Torna su
PerugiaToday è in caricamento