“Tanto prima o poi vi uccido tutti”, suocero terribile perseguita e minaccia ex nuora: a processo

L'imputato è finito a processo per atti persecutori nei confronti della ex moglie di suo figlio

Parole ingiuriose e offensive, minacce di morte "Tanto prima o poi vi ammazzo tutti",  comportamenti persecutori ai danni della ex moglie di suo figlio e atteggiamenti poco consoni anche nei confronti dei nipoti. Con l’accusa di stalking, un 70enne della provincia di Perugia è stato rinviato a giudizio questa mattina dal gup Valerio d’Andria e per lui il processo si aprirà a luglio dell’anno prossimo.

Secondo il capo di imputazione formulato a suo carico, l’imputato, dal 2015, anno in cui il figlio aveva deciso di lasciare l’azienda di famiglia, avrebbe iniziato a diffamare la ex nuora, apostrofandola con epiteti lesivi alla sua dignità e ingiuriando perfino il proprio figlio.

In due occasioni, risalenti al 2017, l’imputato avrebbe afferrato per un braccio il nipote offendendo sua madre e dando del “cornuto” al padre del ragazzo, cioè suo figlio. Comportanti che avrebbero spinto la donna a cambiare itinerari e abitudini per evitare l’ex suocero e creato preoccupazione per il figlio che avrebbe manifestato la volontà di non andare più a scuola per non incontrare il nonno. L’imputato è difeso dall’avvocato Delfo Berretti, la donna si è costituita parte civile con l’avvocato Giuseppe Caforio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccato con la patente falsa, chiama la moglie e l'amico, ma anche loro hanno il documento contraffatto: denunciati in tre

  • Umbria, dramma in casa: uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

  • L'Umbria in tv, Linea Verde alla scoperta delle nostre meraviglie: quando vedere la puntata

  • Investito mentre cammina in strada, grave 19enne: è in prognosi riservata

  • Spray urticante nei corridoi del Pieralli, nove ragazzi in ospedale per lesioni

  • Volley, il centrale della Sir Safety operato all'ospedale di Perugia: il bollettino medico

Torna su
PerugiaToday è in caricamento