Lei rimane incinta, lui la picchia e la famiglia l'abbandona perché non era sposata

Una storia brutale, di quelle che non si vorrebbero mai raccontare, ma che purtroppo accadono. Lei, coraggiosa e impavida, alla fine ha dato alla luce il figlio sfidando la propria comunità musulmana

Coraggiosa e impavida. Sono questi i primi aggettivi che vengono in mente sentendo, in una fredda aula di giustizia, la storia di una giovane donna, di origine musulmana, che pur  di dare alla luce il proprio bambino è stata prima violentemente picchiata dall’allora fidanzato e successivamente ripudiata dalla famiglia che non ha accettato quella nascita, arrivata fuori dal matrimonio.

Una vita da difendere a ogni costo. Un barlume di speranza, forse, in un’esistenza dove un gesto di coraggio si paga anche a caro prezzo. Lei, adesso, vive in una casa famiglia, lontana da quel luogo e da quell’uomo che le urlò brutalmente “io ammazzo te e quella cosa che hai dentro”, come si legge nel capo d’imputazione.

Parole, urla e poi le botte. Alla notizia, infatti, dell’arrivo del piccolo, l’uomo, adesso indagato e difeso dall’avvocato Ambra d’Ambrosio, “colpì più volte con schiaffi e pugni all’addome la donna e la ingiuriò dicendole ‘mignotta, puttana’”. Questo solo un piccolo estratto del capo d’imputazione, dove si legge il dramma di una donna schiava della brutalità di un uomo. Ciò che sconvolge non è però solo quella violenza inaudita alla notizia dell’arrivo di una nuova esistenza, è anche il comportamento dei genitori della giovane, dettato forse da usanze di costume a noi lontane e spesso incomprensibili.

Un bambino concepito al di fuori del matrimonio. Un’azione discutibile. Un atto di vergogna per lei, ma soprattutto per i familiare. Un gesto rinnegabile anche con l’allontanamento dai propri cari, gli stessi che si presume l’avrebbero dovuta proteggere dall’ira dell’uomo e dalle insidie della società. Gli unici, invece, a darle conforto sono stati gli assistenti sociali che l’hanno presa con sé, assicurandole un posto letto per lei e per suo figlio.

Ma la rabbia a volte è tanta, e lei ha deciso di ribellarsi prima di dileguarsi nel nulla, dato che la giovane non è più reperibile al suo domicilio. La donna si è scaraventata contro l’auto dell’uomo, o meglio del padre del suo bambino mai riconosciuto, abbozzandola. Dopo quest’ultimo gesto se ne è andata dalla vita di tutti per sempre con il suo piccolo che alla fine, grazie al coraggio della giovane, ha visto la luce. La donna è difesa dall’avvocato Elodia Mirti.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, dramma in casa: uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

  • L'Umbria in tv, Linea Verde alla scoperta delle nostre meraviglie: quando vedere la puntata

  • Maltempo, il Comune di Perugia tiene chiuse scuole e Università: ordinanza del sindaco

  • Spray urticante nei corridoi del Pieralli, nove ragazzi in ospedale per lesioni

  • Volley, il centrale della Sir Safety operato all'ospedale di Perugia: il bollettino medico

  • Truffa del gratuito patrocinio, bufera su alcuni avvocati perugini

Torna su
PerugiaToday è in caricamento