La giovane perugina che stupisce il mondo: premio internazionale per la direttrice d'orchestra

La splendida Nil Venditti, autorevole bacchetta perugina, sta facendo parlare di sé a livello internazionale e continua a collezionare riconoscimenti

La splendida Nil Venditti, autorevole bacchetta perugina, sta facendo parlare di sé a livello internazionale e continua a collezionare riconoscimenti. L’ultimo si riferisce al festival, tenuto dal 26 al 30 settembre a Bucarest, in Romania, all'interno dell'Ateneo Romano, la loro prestigiosa sala dei concerti.

In scena, l'orchestra filarmonica “George Enescu". Siamo all'ottava edizione di questo concorso cui affluiscono direttori – stavolta erano 50 – da tutte le parti del mondo. In rappresentanza dell’Italia, la nostra Nil, insieme a un’altra giovanissima: Claudia Patanè. Il concorso si è svolto in 4 segmenti, conclusi da un gala concert finale. A chiudere, la premiazione. La perugina Nil Venditti si è classificata al secondo posto sull’ambitissimo podio internazionale. Ma la vera soddisfazione è consistita nel “premio speciale dell'orchestra”. In pratica, tra tutti i direttori in concorso, Nil è stata indicata come la preferita da parte dell’orchestra e del solista Lup Octavian, vincitore del concorso di violoncello, tenutosi sempre nella stessa città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nil, in finale, ha diretto la sinfonia numero 4 di Brahms, il primo movimento ed il concerto di Dvorak, per violoncello, eseguito dalle agili mani del genio Octavian. Essendo arrivata seconda sul podio, la nostra musicista si è meritata la direzione di una decina di concerti per l'anno prossimo in tutta Europa, alla testa di orchestre prestigiose. Sarà un ulteriore accreditamento delle sue straordinarie capacità umane e professionali. Risponde al cronista: “La soddisfazione più bella? Essere stata apprezzata come persona anche da parte degli altri concorrenti eliminati: il che prova che l’artista – se è tale – conosce e pratica un atteggiamento leale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

Torna su
PerugiaToday è in caricamento