Scippata e picchiata alla fermata del bus, sotto processo un giovane rapinatore

La ragazza avvicinata con la scusa di accendere una sigaretta e poi presa a pugni in faccia e derubata

Si avvicina ad una ragazza alla fermata del bus e con la scusa di accendere la sigaretta le scippa la borsetta.

Protagonista della vicenda un giovane straniero, difeso dall’avvocato Pasquale Perticaro, finito sotto processo per rapina e lesioni personali.

Il giovane con la scusa di accendere una sigaretta si è avvicinato ad una ragazza, ferma sotto alla pensilina del bus, e le ha strappato la borsetta e una giacca che teneva sul braccio.

Nella borsa la ragazza aveva documenti, soldi e cellulare. Così si è messa ad inseguire il rapinatore, raggiungendolo. Vistosi braccato, lo straniero ha reagito colpendo con un pugno in faccia la ragazza, spingendola prima contro il muro e poi sbattendola a terra. La ragazza, dolorante, ha dovuto desistere dall’inseguimento.

Il rapinatore era poi stato poi rintracciato dalle forze dell’ordine e denunciato per rapina e lesioni personali, in quanto la vittima ha riportato diverse contusioni e ferite, nonché una vasta ecchimosi al volto per il pugno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Ingegneri, architetti, scienziate e statistici: i laureati che mancheranno nei prossimi anni

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

  • Gualdo e comuni limitrofi, sale la preoccupazione per i furti: mezzo sospetto, scatta il tam-tam

Torna su
PerugiaToday è in caricamento