Graziati dal carcere....evadono regolarmente dai domiciliari per fare serata

Continuano i controlli dei militari nei confronti di spacciatori e violenti che sono stati inviati ai domiciliari invece che passare le loro giornate in una cella carceraria. Altri due sorpresi fuori

In pochi rispettano gli arresti domiciliari dopo essere stati graziati dalla pena in carcere. Ancora una volta spacciatori e violenti sono stati trovati dai Carabinieri fuori dalle mura domestiche dove avevano l'obbligo di dimora come se la condanna subita non fosse da rispettare ed espiare. In manette e stavolta in carcere è finito un tunisino di 30 anni che era stato fermato per reati di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Trovato ancora fuori a fare il comodo suo è stato portato a capanne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stessa sorte per un ventenne marocchino che non poteva circolare dopo le 22. I militari lo hanno trovato tranquillamente a passare la serata insieme ad un altro pregiudicato connazionale in Piazza Grimana. Le pene alternative al carcere spesso vengono prese sotto-gamba dai criminali....quasi come fossero delle assoluzioni invece che delle condanne. Giusto dunque il ritorno dietro le sbarre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, il bollettino in Umbria 2 aprile. Altri segnali positivi: aumentano i guariti e 4mila fuori dall'isolamento, contagiati di nuovo in calo

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 2 aprile: tutti i casi per comune di residenza

Torna su
PerugiaToday è in caricamento