Salvati da immondizia e degrado: in ristrutturazione i locali della fiction su Luisa Spagnoli

Ci avevano ricostruito la (finta) sede della confetteria di Luisa, trasferendola pié pari in via Ulisse Rocchi, mentre la vera sede originaria fu nei fondi tra via Alessi e via Angusta

In ristrutturazione i locali della fiction su Luisa Spagnoli. Ci avevano ricostruito la (finta) sede della confetteria di Luisa, trasferendola pié pari in via Ulisse Rocchi, mentre la vera sede originaria fu nei fondi tra via Alessi e via Angusta. Come documenta una lapide commemorativa ad angolo col ristorante “Il paiolo”, che occupa quegli storici locali di Luisa.

All’interno dei vani di via Ulisse Rocchi, scenografi e carpentieri avevano realizzato un arredamento in stile liberty. Perfino l’esterno era stato abbellito con finte colonne celesti che conferivano alla struttura un appeal d’antan e una certa verosimiglianza. Poi la fine delle riprese, la demolizione delle scenografie e la chiusura. Ancora una volta.

Quei locali sono jellati. Vi ebbe sede una storica tipografia “Grifo”, poi vennero adibiti a laboratorio di restauro della Soprintendenza (circostanza testimoniata da permanere di una diafania sul vetro). Quegli spaziosi e bellissimi vani, che si dipanano anche al piano superiore e nell’interrato, hanno un che di magico e avrebbero meritato miglior sorte dell’abbandono prolungato.

Tra le maglie delle belle serrande in ferro battuto i soliti maleducati lanciano immondizie di ogni genere. Lo stato di degrado è tangibile. Tanto più che l’immobile è oggetto di un fallimento ed è finito in mano alle banche che l’hanno messo in vendita da tempo immemorabile. Pare, senza trovare acquirenti. Poi la fortunata parentesi del fitto semestrale alla Rai per girarvi alcune scene della fiction Luisa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora quelle serrande sono aperte e all’interno fervono lavori di ristrutturazione. Si dice che i locali saranno utilizzati a magazzino. Comunque sia, sarà sempre meglio dello stato di colpevole abbandono in cui erano stati per molto tempo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento