La Caritas costretta ad aprire altri 3 negozi alimentari per poveri: sono già 1589 i "clienti"

La nascita di altri 3 empori Caritas - negozi per i poveri che non possono permettersi di fare la spesa - è la dimostrazione di come Perugia e provincia siano stritolate da una crisi senza fondo a cui non riescono a dare un freno neanche i primi timidi segnali di una ripresa. Se non c'è lavoro, non ci potrà essere benessere e dignità per le famiglie normali. 

Il primo emporio - dopo quello storico aperto a Madonna Alta - da inaugurare sarà quello della “Divina Misericordia” situato nella zona industriale di Sant’Andrea delle Fratte in Perugia, in via Sacconi 27, (la prima traversa a sinistra di via Penna venendo da San Sisto). Le altre due strutture, a Ponte San Giovanni e Marsciano, saranno attive nei prossimi mesi. 

 I tre nuovi Empori si andranno ad aggiungere a quello funzionante dal settembre 2014 situato presso il “Villaggio della Carità” in Perugia. Quest’Emporio, nel primo anno e mezzo di attività, è stato frequentato da 1.589 persone ed ha distribuito 177 tonnellate di prodotti di prima necessità sia alimentari che per l’igiene, di cui 23 tonnellate provenienti dal recupero delle eccedenze alimentari. Un esempio concreto di quanto ci esorta a fare nella quotidianità papa Francesco: No allo spreco di cibo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Nuovo concorso pubblico: 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Elezioni regionali, nuovo sondaggio sull'Umbria: Tesei avanti su Bianconi, la forbice e il numero degli indecisi

  • La Cena degli Sconosciuti arriva a Perugia: come funziona

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Follia sul treno: ha il biglietto, ma picchia lo stesso il controllore

Torna su
PerugiaToday è in caricamento