Il sindaco stringe sulle grandi Opere: ecco i tempi per i fine lavori su S. Francesco al Prato e illuminazione

Sopralluogo nel cantiere dell'auditorium polifunzionale del centro storico. Mentre il mega piano illuminazione cittadina va spedito nonostate migliaia di sostituzione tra pali e centraline

Tra poco meno di sei mesi si dovrà andare al voto anche a Perugia, per rinnovare sindaco e consiglio comunale. La Giunta Romizi vuole arrivarci (alle urne) con tutti i progetti realizzati o quasi, insomma a cantieri chiusi per far vedere agli elettori che quei progetti si sono trasformati in patrimonio della città, della collettività. Per questo, con il fine anno sempre più vicino, si stanno facendo i primi bilanci sulle grandi opere per capirne i tempi finali. Romizi insieme all'assessore Francesco Calabrese e altri componenti della squadra oltre che di tecnici comunali hanno effettuato un sopralluogo nel primo pomeriggio a San Francesco al Prato. All'interno di questo bene storico e artistico da tempo va avanti il cantiere che dovrà partorire un auditorium multi-funzionale: 550 posti a sedere, un palco e una serie di strutture di servizio. 

Obiettivo: dare alla città un luogo dove fare convegni internazionali - il turismo dei convegni è una voca importante a livello di business per il settore turismo -, concerti di musica classica, baklletti e persino la musica leggera d'autore. Fonti vicine all'amministrazione parlano di un sindaco soddisfatto per la velocità e la qualità dei lavori. Ci si è addirittura sbilanciati per una possibile inaugurazione: entro marzo. Stessa ricognizione, stessa situazione apparentemente positiva per un'altra grande opera: l'illuminazione cittadina rimessa in sicurezza, a costi di produzione più bassa e in grado di valorizzare la città e renderla allo stesso tempo più sicura. I numeri sono importanti: la sostituzione di 4mila pali e 300 quadri elettrici non più a norma, nuova illuminazione monumentale nel centro storico, anche nuovi servizi a banda ultralarga in 22 parchi cittadini con (vero) wi-fi pubblico, videosorveglianza (96 nuove telecamere), touch screen e display a led. 

"Una Perugia più bella e sicura - ha scritto l'assessore Francesco Calabrese - con rinnovata ricchezza di funzioni. 15milioni e 800mila euro di investimento complessivo, finanziati con i risparmi ottenuti con i minori consumi di energia, neanche un euro a carico dei perugini, anzi, circa 500mila di minore spesa annuale per il nostro bilancio. Ovvero, l’operazione perfetta, guidata dall’Ing. Gabriele De Micheli che dirige un’unità operativa tra i fiori all’occhiello dell’amministrazione perugina".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tragedia lungo la strada: auto vola nella scarpata, muore a 55 anni

  • Cronaca

    Beccato con mezzo chilo di droga alla stazione: "Sono un soldato, mi serve per superare i traumi della guerra"

  • Cronaca

    Molestie sessuali sul bus ad una bimba, autista sotto processo

  • Cronaca

    Orrore in appartamento, 14 cani denutriti, feriti e ammalati: sotto processo l'uomo che li ha abbandonati

I più letti della settimana

  • Licenziata per giusta causa dalla Cucinelli, ma il Tribunale annulla la decisione: "Sia riassunta e 20mila euro di risarcimento"

  • Schianto all'alba a Perugia, auto si ribalta: 22enne in gravissime condizioni, l'amico in codice rosso

  • Nuove aperture a Perugia, maxi supermercato Conad in via Settevalli: 40 nuovi posti di lavoro

  • Papa Francesco nomina il nuovo vescovo ausiliare di Perugia: è monsignor Marco Salvi

  • A Perugia il primo "Cannabis social club" dell'Umbria, il consiglio comunale dice sì

  • Avvocato quasi gratis, liquidata parcella della vergogna: 32,50 euro per una causa

Torna su
PerugiaToday è in caricamento