La "costosa" caccia allo scoiattolo grigio continua: dopo l'eutanasia, i divieti imposti ai cittadini

Si parte da Ferro di Cavallo dove il progetto europeo (un milione di euro) prevede ora dei cartelli per vietare di alimentarli. Ma quei denari non potevano essere impiegati per il sociale? Ma può essere il nemico numero uno... lo scoiattolo grigio americano...?

E' lui il temibile scoiattolo grigio... non autoctono

Un milione di euro (risorse europee) per porre fine alla presenza del più "temibile" (?) degli animali alloctoni presenti nelle aree verdi e giardini: lo scaiottolo grigio, ovvero quello "americano" più forte e più adattabile rispetto a quello nostrano "il rosso europeo". La vicenda è stata già ampiamente dibattuta - quando mesi fa scattò la caccia e l'immediata eutanasia degli animali presi - con tanto di richiesta ai cittadini di collaborazione per immettere le trappole nelle proprietà private. Ora l'operazione si arricchisce di un capitolo nuovo: cartelli per tutta Ferro di Cavallo per non dare da mangiare agli scoiattoli.  

Lettera ai cittadini per sterminare lo scoiattolo grigio: saranno uccisi con il gas

"Saranno apposti nel quartiere di Ferro di Cavallo (Perugia) - spiega in una nota la Regione - manifesti informativi per sensibilizzare i cittadini sulla necessità di evitare l’alimentazione artificiale degli scoiattoli grigi presenti nell’area. Lo scoiattolo grigio, spiegano dall’Osservatorio faunistico regionale, è una tra le cento specie alloctone invasive più pericolose a livello mondiale ed è una minaccia per la biodiversità forestale di tutta l’Italia peninsulare. Pur non essendo più presente ormai da decenni nell’area di Ferro di Cavallo la specie autoctona, è di estrema importanza non foraggiare gli esemplari alloctoni per non favorire ulteriormente la loro riproduzione e conseguente espansione nelle aree limitrofe".

Sterminio legalizzato degli scoiattoli grigi a Perugia: "Ecco quanto costa ai contribuenti"

I tecnici del progetto anti-scoiattolo grigio spiegano inoltre che dare da mangiare al ricercato scoiattolo grigio scatenerebbero interazioni tra uomo e fauna quali disturbo, eccessiva confidenza, trasmissione di zoonosi, incursioni e danneggiamenti. Non la pensano così moltissime associazioni animaliste sulla pericolosità dello scoiattolo grigio ma ormai il progetto è partito e i soldi sono stati stanziati. Eh già soldi, tanti soldi, un milione di euro... che magari potevano servire per finanziare il sostegno per la non auto-sufficienza o le star-up che creano lavoro. Ma questo è il solito becero populismo... direbbero gli illuminati di Bruxelles. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento