Accusa il marito di averla picchiata, ma una testimone la inchioda: è tutto falso

Moglie indagata per calunnia dopo aver accusato falsamente il marito di percosse

Accusa il marito di averla picchiata nel piazzale di casa, ma una testimone lo scagiona. E la moglie finisce indagata.

Una donna, difesa dall’avvocato Daniele Federici, è stata indagata per calunnia per aver accusato falsamente il marito di averla picchiata.

La signora aveva denunciato, infatti, che il coniuge durante una discussione molto accesa nel piazzale condominiale, l’aveva malmenata. La situazione tra i due era da tempo molto difficile, con reciproche accuse.

Nel corso delle indagini, però, la Procura ha rintracciato una testimone: una donna affacciata alla finestra che aveva assistito alla scena.

Sentita dagli investigatori la testimone aveva raccontato di aver sentito un litigio, con voci molto concitate, di essersi quindi affacciata e aver visto la coppia che litigava, ma nessuno aveva alzato le mani sull’altro.

Così chiuse le indagini e il fascicolo per percosse a carico dell’uomo, ne è stato aperto uno a carico della donna per calunnia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento