Dall'Umbria passaporti falsi per far entrare in America decine di albanesi: chiesto il giudizio per quattro

L'inchiesta, coordinata dalla procura di Perugia, era deflagrata nel febbraio scorso con un'ordinanza di misura cautelare firmata dal Gip Lidia Brutti (domiciliari per i due italiani, soci di un'agenzia di viaggi, e custodia in carcere per l'albanese)

Quattro imputati - due italiani e due albanesi (di cui uno latitante) e una richiesta di rinvio a giudizio per associazione finalizzata al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. L'inchiesta, coordinata dalla procura di Perugia, era deflagrata nel febbraio scorso con un'ordinanza di misura cautelare firmata dal Gip Lidia Brutti (domiciliari per i due italiani, soci di un'agenzia di viaggi, e custodia in carcere per l'albanese). Sotto la lente d'ingrandimento degli inquirenti, un "giro" di passaporti falsi per permettere l'ingresso ai cittadini albanesi negli Stati Uniti d'America.

Dalle carte dell'inchiesta emerge come, alla base dell'organizzazione, ci fossero due albanesi di 57 e 38 anni, considerati "i promotori". In concorso con i due gestori di un'agenzia di viaggi nel folignate, avrebbero procurato l'ingresso in America di alcuni albanesi privi della cittadinanza statunitense o di altro titolo di residenza permanente, operando, attraverso l'agenzia, "prenotazioni di viaggio in regime di esenzione dal visto (il cosiddetto Esta Application) previsto, tra gli altri, per i cittadini italiani". Il tutto, secondo la procura, utilizzando passaporti italiani rubati, contraffatti e alterati in maniera tale da farli risultare anche titolari della cittadinanza italiana. Il 57enne sarebbe stato colui, in particolare, che avrebbe procacciato i passaporti falsi per eludere la frontiera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il pm, chiuse le indagini, ha ora chiesto per tutti il rinvio a giudizio e la prima udienza preliminare dinanzi al gup Natalia Giubilei è stata fissata al 29 ottobre. gli imputati sono difesi dagli avvocati: Giovanni Picuti, Giovanni Maccabei, Daniela Paccoi, Alessandro Stefanetti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Umbria, il pitbull morde una persona in fila alla tabaccheria: la padrona fa finta di niente e se ne va, denunciata

Torna su
PerugiaToday è in caricamento