Lo scempio al parco Chico Mendez: drogati e siringhe sporche di sangue gettate dove capita

Accade di domenica pomeriggio, quando famiglie e bambini frequentano uno dei polmoni verdi di Perugia

Foto gruppo Facebook Genitori del parco Chico Mendez

Una scena desolante quella immortalata da un cittadino perugino. Nel pieno di una domenica pomeriggio di luglio uno dei “polmoni verdi” di Perugia, il Parco Chico Mendez, contornata da un gruppetto di quattro giovani intenti a drogarsi e siringhe sporche di sangue lasciate qua e là. In terra, perfino sopra una panchina e senza tappino di sicurezza, mettendo a repentaglio anche la salute dei più piccoli. 

Desolante sì , perché il tutto accade davanti alle famiglie che portano i bambini nei parchi per fargli passare qualche ora immersi nel verde e all’aperto. Peccato ci si trovi poi davanti a uno spettacolo simile: tossici che lasciano le siringhe in terra, senza curarsi minimamente della gente, dei ragazzini e in generale dei frequentatori del parco. Avvertite le forze dell'ordine, una volta giunte sul posto il gruppetto si era però già dileguato. Giusto il tempo di acquistare, consumare, gettare le siringhe dove capita, e poi andare. Il messaggio con tanto di foto è stato postato sui social per "denunciare" quanto accaduto e per mettere in guardia anche gli altri genitori sulla possibilità di trovarsi davanti a simili e preoccupanti scene. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Umbria, proclamati gli eletti in consiglio regionale: tutti i nuovi consiglieri, le biografie

  • Chiuso per 15 giorni il bar della droga, anche il Tar conferma

  • Beccato con la patente falsa, chiama la moglie e l'amico, ma anche loro hanno il documento contraffatto: denunciati in tre

  • Rischio microbiologico, lotto di Acqua Nepi richiamato dal Ministero della Salute

  • Investito mentre cammina in strada, grave 19enne: è in prognosi riservata

  • Muore a soli 42 anni dopo la caduta da un lettino dell'Ospedale: indagati medico e fisioterapista

Torna su
PerugiaToday è in caricamento