Bracconieri ancora in azione: piazzano l'esca e poi sparano ad un cinghiale

Due bracconieri sono stati colti in flagranza di reato dalla Polizia Provinciale a Panicale, in località Macereto. Avevano studiato un piano per uccidere i cinghiali attirati dalla loro esca...

Prima avevano piazzato l'esca (tanto mais), poi si sono nascosti armati di una carabina di precisione installata su un cavalletto e infine hanno atteso l'arrivo dei cinghiali. Due bracconieri sono stati colti in flagranza di reato dalla Polizia Provinciale a Panicale, in località Macereto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prima di essere fermati avevano già abbattuto un cinghiale di 80 chili e si apprestavanno ad abbatterli altri che si stavano muovendo in zona attirati dal mais. Alla vista dei poliziotti i bracconieri si sono dati alla fuga, ma sono stati bloccati dagli agenti che oltre alla denuncia per attività venatoria in periodo di assoluto divieto, hanno posto sotto sequestro le armi, le attrezzature connesse e il capo abbattuto. E' terzo episodio di bracconaggio dall'inizio dell'estate, periodo in cui la caccia è rigorosamente vietata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento