Palpeggia la cognata, 40enne umbro condannato per violenza sessuale

L'uomo, un 40enne di origini umbre, è stato denunciato dalla moglie del fratello per violenza sessuale. Da lì l'avvio del procedimento penale fino al patteggiamento

Immagine d'archivio e generica

Ha patteggiato una condanna a un anno e nove mesi per violenza sessuale. Protagonista della vicenda giudiziaria, approdata ieri, martedì 14 maggio, al tribunale di Arezzo, un 40enne di origini umbre che secondo l’accusa avrebbe palpeggiato una donna, precisamente la moglie del fratello, mentre si trovavano da soli in un’abitazione nel cortonese.

Il fatto risale a tre anni fa. Il 40enne si sarebbe invaghito della moglie del fratello. Un sentimento che però non sarebbe stato corrisposto. E dopo una pesante avance da parte dell'uomo, è scattata la denuncia per violenza sessuale. Un unico episodio, ha sottolineato in aula il legale dell'uomo, l'avvocato Fabrizio Betti, che gli è costato una denuncia per violenza sessuale. La donna infatti si recò dai carabinieri per raccontare cosa era successo. Ieri di fronte al collegio presieduto dal giudice Giulia Soldini, il 40enne ha patteggiato la pena.

La notizia su ArezzoNotizie

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo concorso pubblico: 616 posti a tempo indeterminato, basta la licenza media

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Elezioni regionali, nuovo sondaggio sull'Umbria: Tesei avanti su Bianconi, la forbice e il numero degli indecisi

  • La Cena degli Sconosciuti arriva a Perugia: come funziona

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Scontro tra auto e camion sulla E45, automobilista salvo per miracolo: mezzo distrutto

Torna su
PerugiaToday è in caricamento